Piero Armenti, il salernitano de “Il mio viaggio a New York” è per il Corriere il più noto urban explorer italiano all’estero

279
in foto Piero Armenti

Come direbbero da quelle che dal 2011 sono le sue parti, Piero Armenti è un self made man: un uomo che si è fatto da solo. Salernitano classe 1979, da stagista in una testata online è arrivato ad essere il titolare della più grande agenzia di viaggi italiana di New York. Si chiama “Il mio viaggio a New York“, proprio come la pagina Facebook aperta nel 2014 in cui viene quotidianamente seguito da oltre 2,7 milioni di follower. Il che – scrive Il Corriere della Sera che gli dedica una pagina – ne fa “il primo e più noto urban explorer italiano all’estero”, perfetto esempio di come i social network, se opportunamente utilizzati, possano integrarsi con l’economia reale rappresentandone una formidabile vetrina. Come spiega lui stesso: “Se decidi di visitare la città cerco di accerchiarti da tutte le parti: vai su Facebook o YouTube e trovi i miei video, vai su Google e trovi il sito, vai in libreria e trovi i miei romanzi (Una notte ho sognato New York e Se ami New York, ndr) e la mia guida (Il mio viaggio a New York, ndr)”.