“Pino E'”, al San Paolo tributo live per il cantautore napoletano: il ricavato in beneficenza

80

Il San Paolo di Napoli torna a suonare con le note di Pino Daniele, per il tributo live “Pino E'”. L’evento è quello che il 7 giugno, a tre anni e mezzo dalla scomparsa del musicista, riunirà sul palco dello stadio partenopeo numerosi big della canzone italiana, oltre alle band storiche che hanno accompagnato Daniele durante la sua carriera. Il ricavato netto andrà in beneficenza.
“L’ultimo concerto di Pino Daniele al San Paolo è stato nel 1998. Ci sarebbe dovuto tornare nel 2008, per la reunion di “Vai mo’”, ma poi fummo obbligati a spostare il concerto in Piazza del Plebiscito. Ci piace pensare che nel 2018, a vent’anni di distanza dall’ultima volta di Pino nello stadio napoletano, in qualche modo torneremo a fare un suo concerto proprio lì” dice Ferdinando Salzano, a.d. di F&P Group, presentando l’evento. Protagonista assoluta, naturalmente, sarà la musica di Pino Daniele. Ma non solo: alcuni set, infatti, esuleranno dal suo repertorio del musicista, ma sempre seguendo un fil rouge. Ci saranno Jovanotti e Ramazzotti, che insieme a Pino Daniele fecero un tour negli stadi nel ’94. E poi Fiorella Mannoia, Francesco De Gregori e Ron, che invece condivisero una tournée nel 2002. Ancora, gli amici, colleghi e collaboratori Loredana Bertè, Francesco Renga, Ornella Vanoni, Antonello Venditti, Claudio Baglioni, Biagio Antonacci, Alessandra Amoroso, Mario Biondi, Elisa, Emma, Giorgia, J-Ax, Gianna Nannini, i Tiromancino e Giuliano Sangiorgi. “Sono stati in molti a inviare una ‘candidatura spontanea’ e ci sarebbe sembrato scortese rispondere di no”, spiega Salzano. Ad alternarsi sul palco, tre gruppi: uno “resident”, con la direzione di Luca Scarpa, e poi le band di “Vai mo’” e “Nero a metà”.
Oltre alla musica, anche situazioni “dialogate”, collante tra le varie parti della serata. Attesi, infatti, anche Alessandro Siani e Giorgio Panariello, entrambi grandi amici di Pino Daniele. E poi Vincenzo Salemme, Enzo Decaro, Pierfrancesco Favino, Edoardo Leo, Sabrina Impacciatore, Beppe Fiorello, Salvatore Esposito, Marco Giallini, Ciro Ferrara e Renzo Arbore. A oggi, sono stati venduti circa 20mila biglietti (dei 40-45mila totali).