Pizza patrimonio Unesco: Eccellenze Campane firma la petizione

151

Eccellenze Campane, il contenitore dedicato alle eccellenze dell’agroalimentare in via Brin (Napoli), firma la petizione a sostegno della candidatura dell’arte dei pizzaioli napoletani nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità. L’adesione alla campagna, promossa da Alfonso Pecoraro Scanio, già ministro dell’Agricoltura e dell’Ambiente, rappresenta per Eccellenze Campane un’ulteriore conferma dell’impegno profuso, sin dalla sua nascita, per la tutela delle produzioni tipiche e per la valorizzazione del “Made in”, nel solco della dieta mediterranea, del gusto e della tradizione. La pizza, infatti, è la pietanza più conosciuta e consumata al mondo, la parola italiana più pronunciata, ma proprio per effetto di questa grande globalizzazione rischia di perdere l’identità e la tradizione. Il riconoscimento Unesco, inoltre, determinerebbe anche benefici di tipo economico per la città di Napoli e l’Italia in generale. Il capoluogo partenopeo, infatti, potrebbe divenire sempre più il luogo di formazione per chi vuole imparare a fare pizze secondo la tradizione e meta di un turismo sostenibile che vuole scoprire i veri sapori e le vere tradizioni alimentari e culturali. “La pizza napoletana – spiega Paolo Scudieri, presidente di Eccellenze Campane – con i suoi ingredienti naturali e l’abilità dei maestri pizzaioli, rappresenta un’eccellenza unica al mondo, con una storia e una tradizione alimentare fortemente radicata sul territorio. Essa è oramai un rito metropolitano che mette d’accordo tutti. La pizza, infatti, è la pietanza simbolo della globalizzazione“. “Eccellenze Campane – gli fa eco il figlio, Achille Scudieri vuole sostenere con forza questa candidatura perchè si riscopra il gusto autentico delle nostre produzioni alimentari, garantendo l’italianità degli ingredienti di uno dei prodotti alimentari campani più conosciuto al mondo”.