Pizza Village, 50 ricette diverse per l’appuntamento sul lungomare

39

Cinquanta pizzerie sul lungomare di Napoli, ognuna delle quali con una ricetta originale accanto alle pizze classiche. È questo il cuore di Napoli Pizza Village, che propone dal primo al dieci giugno, dieci giornate di piacere gastronomico, divertimento, musica e incontri sul mondo della pizza. “Quest’anno – spiega Claudio Sebillo, organizzatore della manifestazione – abbiamo reintrodotto le 50 specialità, i nostri visitatori troveranno quindi 50 pizze diverse, un fatto straordinario, realizzabile solo a Napoli Pizza Village. Ma ci saranno anche incontri professionali nell’area D’essai per discutere del futuro di questo piatto dopo il riconoscimento dell’arte del pizzaiolo da parte dell’Unesco”. Sebillo punta quest’anno “a raggiungere – dice – il milione di visitatori, con sempre maggiori presenze da altre città d’Italia e dall’estero”. Un obiettivo di crescita importante che testimonia i passi avanti fatti dalla prima edizione che si svolse nel 2011 con venti forni alla Mostra d’Oltremare e circa 55.000 visitatori. L’happening più grande d’Italia sulla pizza, spiega l’assessore al turismo di Napoli Gaetano Daniele, “può essere – dice – paragonato all’Oktoberfest ma nella bella stagione e con la vulcanica gioia napoletana”. Una maratona di gusto e colori in cui la pizza e la grande musica diventano “regine” della manifestazione che vede affiancarsi alle 50 pizzerie storiche protagoniste, tantissimi artisti di fama nazionale: la collaborazione con Rtl 102.5 ha prodotto un cartellone di eventi gratuiti di altissimo profilo. Sul palco del Npv si esibiranno, come special guest artisti del calibro di Fabrizio Moro, Ultimo Noemi, Dear Jack, Mario Biondi, Nesli, Le Vibrazioni, Annalisa, Bianca Atzei e Lo Stato Sociale oltre ad un ospite a sorpresa (sabato 9) ed al collegamento dallo stadio San Paolo in occasione del concerto Pino è. Ma la protagonista resta la pizza con i 50 maestri pizzaioli che proporranno ricette inedite tra le quali non mancheranno pizza fritta e pizza senza glutine. Confermato il prezzo di acquisto del menù, 12 euro, che comprende: pizza, bibita, dolce e/o gelato e caffè. “La pizza – spiega l’assessore al lavoro di Napoli Enrico Panini – è un grande motore economico della città che si sposa con la qualità della produzione agricola e dell’accoglienza napoletana. Per questo Pizza Village è straordinario”.