Planet Patrol, 144 pianeti “impostori” tra i candidati individuati da TESS: studente della Federico II guida il team di ricerca

31

Planet Patrol è il progetto nato per scrutinare la moltitudine di candidati pianeti trovati da TESS Space Telescope (Transiting Exoplanet Survey Satellite), alla ricerca di falsi allarmi. I metodi automatizzati di elaborazione dei dati TESS non sempre riescono a scovare falsi esopianeti

Il gruppo, guidato da Luca Cacciapuoti, studente neolaureato in Fisica alla Federico II e Veselin Kostov del NASA Goddard Space Flight Center, ha scovato 144 impostori fra i primi 999 candidati trovati da TESS. “Il TESS Triple-9 Catalog vuole essere un primo tentativo di utilizzare il potenziale della Citizen Science nella verifica di migliaia di segnali esoplanetari – dice Luca Cacciapuoti, primo autore dell’articolo, che continua – “La scienza è possibile grazie al pubblico ed è giusto che uno scienziato si impegni nel coinvolgere il cittadino, nel restituirgli parte di quella conoscenza che ha potuto costruire grazie ad esso”.

“Quando pensi di aver adocchiato un nuovo pianeta, meglio pensarci due volte!”. È il motto del gruppo di cittadini scienziati coinvolti nel progetto Planet Patrol della NASA, la “pattuglia planetaria”. La missione spaziale TESS della NASA monitora i cieli dal 2018 alla ricerca di nuovi pianeti extrasolari, ossia pianeti al di fuori del Sistema Solare. TESS cerca le ombre che questi pianeti lasciano al loro passaggio periodico orbitando intorno alla stella madre. Tuttavia, altri fenomeni celesti si manifestano allo stesso modo e possono ingannare i cacciatori di pianeti.

Altri due studenti magistrali del corso di Fisica della Federico II di Napoli, Francesco Gallo e Riccardo Ienco, hanno contribuito allo studio: “Sentiamo di aver contribuito ad un lavoro originale ed utile alla comunità scientifica che studia esopianeti. Stiamo imparando a fare ricerca grazie all’attivo gruppo di esopianeti a Napoli guidato dal professore Giovanni Covone. La “pattuglia planetaria” della NASA è solo ai primi passi, e continuerà a scoprire pianeti anche grazie al contributo degli studenti della Federico II.”, hanno sottolineato gli studenti.

Planet Patrol è un progetto di Citizen Science della NASA che attrae persone da tutto il globo la cui passione per l’astronomia è tale da voler dare un contributo concreto alla ricerca vera e propria. Questi progetti insegnano ai “citizen scientists” a classificare vari tipi di dati per cui anche i migliori algoritmi hanno un tasso di errore maggiore. I  volontari di Planet Patrol hanno contribuito a scovare falsi pianeti fra un migliaio di candidati rilevati dalla missione TESS della NASA, scrutinando le immagini del satellite singolarmente.