Plasmon, patto Mise-Regione Lazio: nuovi investimenti per i siti di Napoli e Latina

102

Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti hanno firmato questo pomeriggio al Mise una lettera di intenti per sostenere gli investimenti produttivi degli stabilimenti di Heinz Plasmon, che producono alimenti per bambini, a Latina e a Napoli. In ballo ci sono 96 esuberi di personale. “Questo accordo – spiega il ministro – nasce dal Tavolo per Roma. C’è una problematica di esuberi che gestiamo con l’azienda, e offriamo di ragionare insieme sullo sviluppo”. La proposta, dice ancora Calenda, riguarda investimenti in ricerca-sviluppo e produzione a Latina e a Napoli, e sara’ portata all’attenzione del board americano dell’azienda. “Noi -afferma Calenda – siamo pronti ad accelerare usando una ‘fast track’. E’ importante per Latina e per l’Italia perche’ si tratta di un investimento produttivo avanzato”. “Quello di Latina – aggiunge Vincenzo Raimo della Heinz Plasmon – e’ il nostro unico stabilimento di produzione di baby food in Italia. Grazie a questa piattaforma progettuale c’e’ l’impegno su Napoli e Latina per produrre alimenti funzionalizzati non solo per bambini, ma anche per immunodepressi, anziani, sportivi, donne incinte?”. Il mercato del baby food infatti, spiega il dirigente, ha subito una flessione dovuta al calo delle nascite: “Con un accordo del genere ci aspettiamo un incremento di volumi importanti che potrebbe scongiurare tutti gli esuberi – dice – e forse anche aprire a nuove assunzioni. Ci aspettiamo un miglioramento della situazione: per produrre c’e’ bisogno di persone”.