Pmi: accesso ai finanziamenti Ue, asse tra Eurosportello Napoli e PerMicro

51

Eurosportello Napoli e PerMicro siglano un protocollo d’intesa per facilitare l’accesso ai mercati esteri da parte delle PMI ed ai finanziamenti dell’Unione europea dedicati alla creazione di nuove imprese e lo sviluppo di nuove attività. L’Unione Europea (UE) sostiene i neo-imprenditori e le imprese con un’ampia gamma di programmi che erogano finanziamenti attraverso istituti finanziari locali. Ogni anno l’Unione Europea supporta più di 200.000 imprese. La decisione di erogare finanziamenti dell’UE è presa dagli istituti finanziari locali quali le banche, i fondi di garanzia o i fondi d’investimento espressamente individuati dall’Unione europea. Ma orientarsi sui tanti programmi e bandi comunitari a disposizione delle imprese non è facile: bisogna infatti districarsi tra tipologie di finanziamento, spese ammissibili, modalità di restituzione. L’Eurosportello è l’Azienda Speciale della Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Napoli creata per favorire i processi di europeizzazione ed internazionalizzazione delle imprese locali. L’Eurosportello di Napoli è punto di contatto “Enterprise Europe Network” la rete della Commissione europea che ha l’obiettivo di aiutare le piccole e medie imprese a sviluppare il loro potenziale di competitività, innovazione ed internazionalizzazione. Tra i servizi offerti dalla rete Enterprise Europe Network rientrano anche quelli di informazione e consulenza sulle opportunità di finanziamento e sull’accesso al credito, la promozione di programmi di finanziamento e strumenti finanziari dell’Unione Europea. PerMicro, prima società italiana specializzata nell’erogazione di microcredito ed operante su tutto il territorio nazionale attraverso 14 filiali, offre i suoi servizi ai cittadini italiani e stranieri che vogliono avviare o sviluppare un’attività imprenditoriale, oltre che alle famiglie con particolari bisogni finanziari legati a casa, salute, formazione. PerMicro è la prima società per numero di microcrediti concessi e per ammontare erogato. Ha concesso fino ad oggi 10.799 microcrediti, per un totale erogato di 69.282.537 euro, di cui 1.693 microcrediti all’impresa e 9.106 microcrediti alla famiglia. Sono tanti i dubbi, le perplessità, i quesiti che si pongono coloro che desiderano trovare un finanziamento in grado di far “decollare” la propria attività. Per venire incontro alle crescente domanda di informazione su questi temi, L’Eurosportello Napoli e PerMicro hanno siglato un protocollo d’intesa proprio per promuovere la conoscenza e l’accesso ai finanziamenti dell’Unione europea e non solo: aspetti quali start-up d’impresa, normativa comunitaria, internazionalizzazione, ricerca partner commerciali all’estero, saranno sviluppati nel corso di seminari, workshop , corsi di formazione ed incontri individuali nei prossimi mesi.Andrea Limone Spiega Riccardo de Falco, direttore dell’Eurosportello Napoli: “L’Eurosportello è dal 1987 un punto di riferimento particolarmente competente e vicino alle imprese e agli operatori, offrendo un rapido collegamento con le diverse iniziative e attività della Commissione europea e del sistema delle Camera di commercio italiane ed all’estero. L’Eurosportello, inoltre, è sede dello Sportello Operativo World Pass, la rete degli sportelli per l’internazionalizzazione costituiti presso tutte le Camere di commercio che offre alle imprese servizi di primo orientamento, assistenza e informazioni specialistiche legate alle attività con l’estero”. Aggiunge Andrea Limone, amministratore delegato di PerMicro: “Siamo molto orgogliosi di collaborare con l’Eurosportello Napoli per favorire l’accesso al credito e l’internazionalizzazione delle PMI. Questo protocollo d’intesa rientra in una serie di accordi che abbiamo siglato in tutta Italia con organizzazioni che si occupano di supportare imprese; speriamo in questo modo di accrescere il numero di attività imprenditoriali sul territorio italiano e di incentivare il fenomeno dell’auto-impiego attraverso iniziative proiettate sempre più sullo scenario europeo”.