Pmi: Donelli al B20, facilitare crescita attraverso semplificazioni

34

Roma, 10 apr. (Labitalia) – “A Cordoba ho potuto porre l’attenzione sulle imprese dei giovani imprenditori del G20, evidenziando gli interventi prioritari per facilitarne la crescita: riduzione della burocrazie e dei costi di tax compliance, incremento della mobilità di beni e talenti e miglioramento delle competenze degli imprenditori e dei loro colleghi”. A dirlo, in un’intervista a Labitalia, Luca Donelli che, in rappresentanza dei Giovani imprenditori europei, è co-chair della task force B20 SMEs Development (dedicata allo sviluppo delle piccole e medie imprese).

Donelli è, infatti, intervenuto a Cordoba, seconda città dell’Argentina focalizzata su agroindustria e automotive, al B20 Business Leaders’ Forum, evento che ha riunito oltre 500 imprenditori e autorità politiche incluso lo sherpa del G20, l’ambasciatore Pedro Villagra Delgado. Il dialogo tra responsabili politici, società civile e imprese a livello internazionale che il B20 promuove farà tappa il 20 aprile alla World Bank a Washington e il 28 maggio all’Ocse a Parigi. “Inoltre -spiega- ho riscontrato particolare attenzione il modello europeo dei cluster tecnologici che si stanno dimostrando un importante strumento di politica industriale e acceleratore dell’innovazione attraverso la sinergia tra imprese, centri di ricerca ed altri attori pubblici e privati degli ecosistemi regionali”.

Donelli, che è anche presidente del Lombardy energy cleantech cluster (LE2C), sottolinea come “il modello collaborativo lombardo è visto come una buona prassi per discutere del ruolo dei cluster, facilitatori del rapporto tra industria e ricerca, stimolo nella promozione dell’imprenditoria giovanile, delle startup e dello scaleup delle pmi”. Inoltre, evidenzia, “di interesse per la task force anche l’iniziativa italiana dei pir, piani individuali di risparmio, con particolare riferimento al successo nella raccolta nel primo anno ed all’allocazione di una parte significativa di essi alle piccole e medie imprese”.