Pnrr, 212 nuove scuole sostenibili e inclusive: concorso da 1 miliardo e 189 milioni di euro

125

E’ stato pubblicato il bando di concorso per la progettazione e la realizzazione di 212 nuove scuole finanziato con le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Il concorso e’ indetto dal Ministero dell’Istruzione mediante l’utilizzo della piattaforma concorsi del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, oggetto “di una proficua collaborazione”, ed e’ finalizzato all’acquisizione di proposte ideative e progettuali per la realizzazione di edifici innovativi dal punto di vista architettonico, strutturale e impiantistico. Si tratta quindi, informa il Ministero dell’Istruzione, “di Scuole altamente sostenibili, inclusive, accessibili e capaci di garantire una didattica moderna e una piena fruibilità degli ambienti, anche attraverso il potenziamento degli impianti sportivi”. “E’ un concorso di grande rilevanza per il mondo della scuola e per il Paese – dichiara il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi – Con questa operazione chiamiamo a raccolta le migliori professionalita’ nel campo della progettazione per dotare i nostri territori di una nuova architettura scolastica, piu’ aperta alla comunita’, sicura, innovativa e sostenibile. Si tratta di un intervento senza precedenti per il numero di aree interessate e per la sinergia messa in campo, con un forte valore sociale. A maggio scorso a Milano abbiamo presentato le linee guida per le scuole del futuro, frutto del prezioso lavoro di alcuni grandi architetti, che si sono confrontati insieme a pedagogisti ed esperti del sistema di istruzione. Adesso – aggiunge Bianchi – chiediamo ad architetti e ingegneri di immaginare la scuola migliore per ogni territorio e di dare concretezza a quei suggerimenti. E’ una sfida per tutti noi che siamo coinvolti: il PNRR e’ un’azione collettiva”. Il concorso si rivolge a ingegneri e architetti iscritti ai rispettivi Ordini professionali. Sono previste due fasi. Nella prima, i partecipanti dovranno elaborare proposte ideative per la costruzione delle nuove scuole connesse a una o piu’ aree tra le 212 già individuate. Le commissioni giudicatrici sceglieranno, per ciascuna area, le migliori 5 proposte, che accederanno così alla fase successiva. La seconda fase prevede, invece, la realizzazione di progetti di fattibilita’ tecnica ed economica. A valutare i progetti saranno fino a un massimo di 20 commissioni. Il progetto migliore per ciascuna delle 212 aree ricevera’ un premio e diventera’ di proprieta’ degli enti locali beneficiari che provvederanno ad affidare le fasi successive della progettazione e i lavori.

Gli interventi previsti riguarderanno scuole dei diversi ordini grazie a uno stanziamento complessivo di un miliardo e 189 milioni di euro. Saranno realizzati sia nelle grandi citta’ che nei piccoli Comuni, con l’obiettivo di dotare tutte le Regioni, sulla base delle richieste avanzate, di una nuova architettura scolastica che sia poi di ispirazione per tutte le nuove costruzioni. In questa fase, le aree, inizialmente individuate nel numero di 216, sono passate a 212 a seguito di alcune rinunce ed esclusioni. La pubblicazione del bando di concorso fa seguito alla pubblicazione sul sito del Ministero dell’Istruzione delle graduatorie delle aree, regione per regione, in cui sorgeranno gli istituti scolastici. Al Mezzogiorno e’ stato assegnato il 42,4% dei fondi. Le scuole verranno edificate a partire dai principi contenuti nel documento. ‘Progettare, costruire e abitare la scuola’ e’ stato elaborato da un gruppo di lavoro composto da grandi architetti, pedagogisti ed esperti della scuola, voluto e istituito dal ministro Patrizio Bianchi.