“Poison”, la prima di Palazzo Fondi è una mostra naturalistica sul veleno

104

Da quello in boccetta a tutti gli elementi della natura nei quali si nasconde. È il veleno il protagonista indiscusso della ‘prima’ italiana di Poison, una mostra naturalistica internazionale che arriva domani a Napoli. A ospitarla è Palazzo Fondi, spazio abbandonato per 7 anni e restituito oggi alla città grazie a un investimento pubblico-privato. Poison-il potere del veleno è visitabile nella struttura di via Medina, a due passi dal Maschio Angoino, fino al 1 luglio. I visitatori avranno la possibilista di osservare da vicino cos’è e dove si nasconde il veleno nelle sue mille forme, vivendo una vera e propria esperienza scientifica: grazie all’assistenza di un biologo che interagisce lungo il percorso espositivo, verranno svelati gli aspetti scientifici legati alle sostanze comunemente chiamate veleno e l’uso, importantissimo, che l’uomo ha imparato a farne, tra antidoti, vaccini e persino importanti medicinali. Il visitatore potrà ammirare particolarissimi esemplari di vegetali e di animali come il temutissimo ragno Violino del Cile, la Vedova Nera, la Migale rosa sudamericana; la famosa Rana giallo-oro della foresta del Choco, apprendere i segreti della Eyelash Viper, una vipera con le ciglia, del centro e Sudamerica; il Gila Monster, lucertola che può arrivare fino a 60 centimetri, nativa del Messico e di alcune zone degli Stati Uniti e molte altre curiosità e declinazioni del veleno sul pianeta. La mostra naturalistica ricostruisce anche episodi e avvenimenti storici legati all’uso delle sostanze velenose per mano dell’uomo, che affondano le radici sin dall’antichità. Da Socrate all’imperatore Claudio, alle vicende di Cleopatra, per arrivare più tardi ai complotti rinascimentali di cui Lucrezia Borgia è stata una famosa protagonista. Fino alla storia più recente, tra intrighi internazionali e lotte di potere a vari livelli, la contrapposizione dei blocchi est-ovest, lo spionaggio e la cospirazione politica. Prodotta da Exhibition Hub e promossa dall’associazione culturale Medea Art con il patrocinio del Comune di Napoli, Poison si può visitare tutti i giorni nelle sale di Palazzo Fondi dalle 10 alle 19.