Nuovo Policlinico: al via #PreVieni, campagna di prevenzione di tumori cutanei e psoriasi

133

Prevenzione, sensibilizzazione e informazione. Sono questi i temi al centro della campagna #PreVieni, organizzata da Meeter Congressi e patrocinata dall’Azienda Ospedaliera Universitaria e dall’Università della Campania Luigi Vanvitelli, che ha come obiettivo la salvaguardia e la salute dei cittadini attraverso la diagnosi precoce del tumore cutaneo e della psoriasi: il 16 e il 23 marzo, l’edificio 9C del Nuovo Policlinico (Via Pansini 5), apre le porte a tutti coloro che desiderano sottoporsi a screening gratuiti mirati ad individuare la presenza delle più comuni patologie che interessano la pelle. Ad accogliere i pazienti un team di esperti della Clinica di Dermatologia – Alessio Gambardella, Gabriella Brancaccio e Teresa Russo – che, guidati da Giuseppe Argenziano, offrirà visite specialistiche volte a valutare lo stato di salute del derma. Il primo appuntamento è per venerdì 16 marzo, dalle ore 10 alle 12.
Ai pazienti over 50 saranno effettuati screening per l’individuazione di eventuali tumori cutanei. “La prevenzione dei tumori cutanei è essenziale – afferma Giuseppe Argenziano -. L’obiettivo di questa giornata è duplice: in primo luogo, offrire all’utenza un accesso gratuito e diretto per una visita dermatologica completa al fine di scoprire se ci sono macchie e lesioni sospette. In secondo luogo, contribuire ad aumentare la consapevolezza delle persone sull’importanza della prevenzione primaria e secondaria”.
Il secondo appuntamento è per venerdì 23 marzo, dalle 10 alle 12, tutti i pazienti under 50 potranno sottoporsi allo screening per la diagnosi della psoriasi. L’appuntamento, organizzato grazie al contributo di Novartis, si pone un duplice obiettivo: verificare l’eventuale presenza di patologie e fornire ai pazienti informazioni utili sulle ultime novità scientifiche che anno dopo anno si inseriscono nell’armamentario terapeutico del medico specialista. Lo screening preventivo, effettuato periodicamente, e la corretta informazione possono migliorare le condizioni di salute del paziente e rallentare il corso della patologia.