Policlinico di Caserta, nuovo stop per il cantiere

84

Stipendi non pagati ai lavoratori da oltre tre mesi e lavori ormai quasi fermi: sembra di essere tornati all’anno zero al Policlinico di Caserta, infrastruttura da 150 milioni di euro tra le piu’ importanti della Campania e del Sud, che il Governatore Vincenzo De Luca aveva rilanciato nel marzo 2017, facendo ripartire i lavori dopo oltre due anni e mezzo di rallentamenti dovuti sia ai ritardi nei pagamenti da parte degli enti proprietari (Miur, Ministero della Sanita’ e Regione, ndr) che a lentezze burocratiche legate alla necessita’ di apportare varianti al progetto originario. Allora si parlo’ di massimo tre anni, quindi il 2020, per terminare l’opera, e di una forza lavoro che dalle 130 unita’ di 12 mesi fa sarebbero passate a 300. Nulla di tutto cio’ e’ avvenuto: tra dicembre scorso e gennaio infatti la situazione e’ precipitata, con la societa’ capitolina Condotte, che possiede il 99% delle quote del consorzio Concorsu che sta realizzando l’opera (una quota quasi insignificante e’ della societa’ Cordioli), che ha chiesto il Concordato preventivo al tribunale di Roma, che ha a sua volta accordato 120 giorni di tempo che scadranno il 18 maggio prossimo. Nel frattempo i fornitori hanno chiuso i rubinetti, e di lavoratori al cantiere del Policlinico, da 130 unita’ del marzo 2017, ne sono rimasti appena 67, di cui oltre 40 operai e una ventina di impiegati. Il problema e’ che nessun addetto e’ dipendente diretto di Condotte, ma tutti sono sotto contratto per Concorsu; ne consegue che non possono ricevere lo stipendio, visto che tutte le risorse finanziarie che arrivano a Condotte non possono essere dirottate verso Concorsu, ma finiscono nella massa passiva per poi soddisfare i creditori. Solo a maggio, per i lavoratori del Policlinico, potrebbero arrivare gli stipendi. Al momento ne avanzano tre piu’ il saldo di dicembre. Ma a far saltare tutto potrebbe essere l’uscita di Condotte, con l’entrata in scena di un altro appaltatore. Cosa gia’ avvenuta: i lavori del Policlinico iniziarono infatti nell’ottobre 2003, poi nel 2009 ci fu un primo stop a causa dei problemi della prima azienda appaltatrice, l’Immobilgi Federici Stirling Spa, che rescisse il contratto con la Sun. Le opere ripresero dopo quattro anni, nel marzo 2013, con un nuovo appaltatore, appunto il Consorzio Concorsu con capofila la societa’ Condotte Spa, ma si bloccarono nel settembre 2014 perche’ la Regione, allora amministrata da Stefano Caldoro, non aveva erogato oltre 5 milioni di euro di propria competenza, costringendo cosi’ l’appaltatore a mandare via i subappaltatori; le opere ripresero a rilento nel 2015 e poi furono rilanciate lo scorso anno. Con Regione e Universita’ che hanno iniziato a pagare regolarmente, tutto sembrava risolto, ma non e’ stato cosi’. “Il nostro auspicio – dice il segretario della Fillea-Cgil di Caserta Vincenzo Maio – e’ che possa essere completata un’opera cosi’ importante per il territorio, e che non diventi una nuova cattdrale nel deserto”. Ma intanto due operai assunti appena cinque mesi fa, quando ancora sembrava che le cose potessero andare avanti regolarmente, proprio oggi si sono dimessi per cercare lavoro altrove.