Policlinico Università Vanvitelli, mandibola ricostruita con parte della tibia grazie al computer

84

È stata ricostruita al computer la mandibola di un uomo di 53 anni colpito da un tumore. Grazie alla microchirurgia il paziente potrà tornare a sorridere. L’intervento è stato eseguito a Napoli, presso il I Policlinico dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”. Un intervento complesso per rimuovere e reimpiantare la mandibola di un paziente utilizzando parte della tibia: “Apertura della bocca e masticazione sono state garantite da subito”, dice Raffaele Rauso, dell’Unità operativa complessa Maxillo Facciale della Vanvitelli diretta dal professore. Gianpaolo Tartaro. Al paziente, in contemporanea, è stato asportato un carcinoma squamoso e ricostruita la mandibola, prelevando un lembo della tibia. Sono state le equipe del chirurgo oncologo demolitore, Giuseppe Colella, e quella del chirurgo plastico ricostruttore, Rauso a eseguire l’intervento microchirurgia al volto attraverso programmazioni pre-operatorie di ultima generazione. “La microchirurgia richiede un lavoro su superfici molto ristrette – spiega Rauso – e l’uso di speciali microscopi operatori applicata all’area del volto consente ai pazienti di riprendere subito le funzionalità e mantenere una buona qualità della vita ripristinando l’estetica dei tessuti affetti da tumore”. Rauso osserva inoltre che “grazie a un particolare software, il chirurgo oncologo e il ricostruttore pianificano pre-operatoriamente l’area anatomica da rimuovere e stabiliscono esattamente come rimodellare l’area anatomica che verrà prelevata per ricostruire il deficit lasciato dalla rimozione del tumore. Tutto ciò garantisce istantaneamente, ed in maniera precisa di ricostruire forma e funzione del corpo in zone dove fino a pochi anni fa era inimmaginabile”.