Politica, Rossi: Populismo come concorrenza sleale, è dumpung che distrugge

40
in foto Alessio Rossi, presidente dei giovani imprenditori di Confindustria

“Se il populismo fosse un fattore economico sarebbe una forma di concorrenza sleale, basato sull’impaurire il consumatore per evitare di fargli comprare i prodotti dei competitor. Pensate al risultato: vincerebbe chi investe più soldi nel marketing, ma distruggerebbe contestualmente anche il settore in cui opera. Risultato: il deserto”. Così il presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, Alessio Rossi, dal palco del tradizionale convegno di Capri. “La politica di bassa lega è dumping, che distrugge e inflaziona la politica con la P maiuscola”, conclude.