Polo Sace Simest (Gruppo Cdp), da oggi finanza agevolata per un maggior numero di imprese

51

La conversione in legge del “Decreto Crescita” amplia la platea delle imprese che possono rivolgersi al Polo Sace Simest per intraprendere e rafforzare – a condizioni vantaggiose – il percorso di crescita internazionale. La norma allarga, infatti, le geografie di operatività di due strumenti di finanza agevolata che Simest gestisce per conto del Mise: i Finanziamenti per l’Internazionalizzazione e il Fondo di Venture Capital.
Finanziamenti per l’Internazionalizzazione. Si tratta di strumenti agevolati diretti finora alla promozione, sviluppo e consolidamento delle imprese italiane – soprattutto Pmi – nei Paesi extra-UE. La norma ne estende l’operatività – nel rispetto della normativa sugli aiuti di Stato – anche all’interno dell’Unione. Vi saranno pertanto maggiori opportunità per le aziende italiane di beneficiare di risorse a tasso vantaggioso (pari a giugno 2019 allo 0,089% annuo).
Fondo di Venture Capital. Si tratta di un Fondo che si affianca alle risorse proprie SIMEST nell’ingresso nel capitale di controllate estere di gruppi italiani. Nato per operare limitatamente alle “aree geografiche di interesse strategico”, da oggi allarga il suo campo di azione a tutti i Paesi Extra-UE. Pertanto, tutte le iniziative delle imprese italiane di investimento diretto estero al difuori dell’Unione, potranno beneficiare dell’ottimizzazione del funding, grazie alle condizioni agevolate e all’assenza di richiesta di garanzie.
Le novità diverranno operative una volta emanati i decreti attuativi.