Pomigliano, Comitato lotta:
sciopero e presidio il 28 marzo

86

Uno sciopero di otto ore con presidio ai cancelli dello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco, è stato annunciato per sabato 28 marzo dal comitato di lotta “Cassaintegrati e licenziati dello stabilimento“, Uno sciopero di otto ore con presidio ai cancelli dello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco, è stato annunciato per sabato 28 marzo dal comitato di lotta “Cassaintegrati e licenziati dello stabilimento“, e da alcuni sindacati di base. Il 28 marzo sarà il secondo e ultimo dei sabato di straordinario comandato su due turni dall’azienda, per far fronte ad un’impennata di richieste di Panda. La scelta di ricorrere allo straordinario, è stata criticata anche dal “coordinamento lotte lavoratrici e lavoratori napoletani“, che oggi hanno effettuato un volantinaggio ai cancelli della fabbrica per sensibilizzare i lavoratori “all’unione“. “Il ricorso agli straordinari, – hanno evidenziato dal coordinamento – nonostante vi siano la metà delle maestranze in contratto di solidarietà e altre centinaia in cassa integrazione a zero ore a Nola, fa capire che è intenzione della Fiat Chrysler di non ricollocare questi lavoratori. Per l’azienda coloro che sono collocati alla produzione della Panda, all’incirca 2500 lavoratori, bastano e non ha nessuna intenzione di ricollocare le rimanenti maestranze. L’intenzione di liberarsi della metà dei dipendenti non stupisce, ma è vergognoso che su questa operazione vi è il tacito assenso di tutte le forze sindacali presenti in fabbrica. Come è possibile – hanno concluso – che non si contrappongono all’idea dello straordinario organizzando scioperi e presidi?“.