Ponte Morandi: Confind. Genova, Autostrade è interlocutore, serve piano demolizione

12

Genova, 29 set. (Labitalia) – “Il nostro interlocutore in questo momento è Autostrade, che è titolare della concessione, e che speriamo entro venerdì consegnerà il piano di demolizione, con il quale si potranno avere le idee più chiare sui tempi di intervento. Di certo, bisogna fare presto alcune cose per aiutare il tessuto produttivo del territorio a superare questo momento”. Così Giovanni Mondini, presidente di Confindustria Genova, con Labitalia, sui prossimi interventi legati al crollo del Ponte Morandi.

Per Mondini, “le istituzioni stanno tutte lavorando affinché si risolvano i problemi di viabilità ordinaria, specie dopo il ritorno alle attività normali al termine del periodo estivo”. “Dal nostro punto di vista, abbiamo chiesto di intervenire – dice – per la delocalizzazione di quelle aziende che non possono riprendere l’attività, o che la dovranno sospendere quando ci sarà un’eventuale azione di demolizione”.

“Per alcune di esse -sottolinea- la delocalizzazione sarà, credo, un percorso necessario, ma avranno tutto il nostro sostegno in questo e chiediamo l’impegno delle istituzioni in questo senso”.

E poi, per il leader degli industriali genovesi, è fondamentale, “non appena ci sarà il dissequestro da parte della Procura, far partire i lavori di Rfi per liberare dai detriti la linea ferroviaria cosiddetta ‘sommergibile’, necessaria per il trasporto dei container con l’area portuale”.

“Senza di essa – avverte – stanno andano in crisi le imprese che operano sul porto e allo stesso tempo non si può pensare di spostare questi collegamenti da ferro su gomma in una situazione già così difficile”.

Sull’idea del nuovo ponte presentata ieri dall’architetto Renzo Piano, Mondini conclude: “L’architetto Piano è sempre molto disponibile per i problemi genovesi e tutti i contributi in questo momento sono ben accetti. Naturalmente, quella dell’architetto Piano è un’idea che poi dovrà eventualmente essere sviluppata dagli ingegneri che realizzeranno il progetto”.