Portici e San Giorgio a Cremano, al via le Aggregazioni Funzionali Territoriali

70
Sanità, verso un nuovo modello di continuità assistenziale.  Fortemente voluto dal presidente della regione Campania Vincenzo  De Luca, attraverso il coordinamento dell’Asl,   le città di Portici e di San Giorgio a Cremano sono state scelte per avviare nella provincia di Napoli il primo esperimento di  Aggregazione Funzionale Territoriale (Aft). Si tratta di un raggruppamento funzionale, mono-professionale di Medici di Medicina Generale (Mmg) ed è la cornice nella quale sviluppare un nuovo modello di continuità assistenziale. L’obiettivo delle Aft è quello di affidare ai medici afferenti, secondo obiettivi definiti e concordati con l’Azienda Sanitaria, la tutela della salute della popolazione di riferimento,  sviluppando l’assistenza sul paziente affetto da cronicità e favorendo l’empowerment dei propri assistiti. Dunque sempre più verso un modello di assistenza sanitaria che riduce i tempi di ospedalizzazione con effetti positivi sui costi e sulla salute dei cittadini. 
I sindaci delle due città vesuviane, Nicola Marrone (Portici) e Giorgio Zinno (San Giorgio a Cremano) hanno espresso grande soddisfazione per la scelta di avviare un progetto così innovativo nelle città che amministrano: ”Premiata la credibilità frutto della collaborazione istituzionale che quotidianamente caratterizza la nostra azione amministrativa”.