Porto di Napoli, tappa al Medcruise di Lisbona

38
in foto Pietro Spirito, presidente dell'Autorità di Sistema del Mar Tirreno Centrale

Ieri e oggi l’Asdp del Mar Tirreno Centrale ha presentato a Lisbona le prospettive per il mercato crocieristico mediterraneo per i porti di Napoli e Salerno. In un segmento che presenta elevati tassi di crescita, con un incremento per la Campania del 15% nel 2018 e con un ulteriore incremento analogo previsto per il 2019, si rendono necessari investimenti per l’incremento della capacità di accoglienza delle nuove navi di dimensioni sempre più rilevanti che sono in arrivo nei prossimi anni.
La Società Terminal Napoli sta studiando il prolungamento delle banchine della stazione marittima delle crociere nello scalo partenopeo: tale progetto sarà presentato nei prossimi mesi all’ Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale.
Per Salerno, con la realizzazione dei dragaggi, la stazione marittima di Zara Hadid potrà cominciare ad accogliere le grandi navi a partire dalla primavera del 2020.
“Abbiamo riscontrato un grande interesse delle principali compagnie di crociera a continuare il percorso di crescita nei porti della Campania, anche nei prossimi anni”, ha dichiarato il Presidente Pietro Spirito. “Siamo in presenza di un segmento della offerta turistica marittima destinato a conoscere una stagione importante di consolidamento e di sviluppo – ha proseguito Spirito – . Il lancio del collegamento aereo tra Newark e Napoli, a partire dal prossimo mese di maggio del 2019, costituisce una opportunità per costruire anche, assieme alle compagnie marittime ed il terminalista, un posizionamento nel segmento home port, che certamente determina in maggiore valore aggiunto per il territorio”.