Powerfone blocca l’investimento a Campobasso e apre un centro nel Cilento

58

La società salernitana di telecomunicazioni Powerfone blocca l’investimento in programma a Campobasso, capoluogo del Molise, e dirotta le proprie mire su Agnone (Salerno), nel Cilento. L’azienda si occupa di soluzioni per privati e enti pubblici nel campo dell’information and technology (It) oltre a sviluppare software e hardawre, servizi retail e business solution. Il centro che doveva essere aperto a Campobasso, e che di fatto viene dirottato nel salernitano, prevede anche l’assunzione di 250 dipendenti. A bloccare l’operazione in Molise pare sia stato il disinteresse da parte della locale amministrazione comunale che non ha garantito, alla Powerfone, una sorta di bonus di benvenuto. Nello specifico i locali per l’esercizio dell’attività, che la società salernitana contava di avere a disposizione in cambio dell’investimento e delle assunzioni.