Predixit, overfunding per la piattaforma di intelligenza artificiale che punta a stravolgere l’e-commerce

81

Overfunding per la campagna di raccolta fondi a sostegno di Predixit, la piattaforma di intelligenza artificiale in “machine learning” che punta a stravolgere l’e-commerce e lo shopping negli store, intaccando il monopolio dei colossi delle vendite online. La startup – che promette a piccole e medie imprese, agenzie digitali e store manager di tornare a potenziare le vendite direttamente sui propri siti, a bassi costi e con competenze tecnologiche di base e intuitive – è arrivata a quota 300 mila euro raccolti in equity crowdfunding in soli 50 giorni, un overfunding di oltre il 300 per cento per un totale di 107 investitori. Otto gli algoritmi brevettati e due in fase di realizzazione per Predixit, soluzione che dota rapidamente di un “sesto senso” digitale i siti di e-commerce, permettendo la personalizzazione di acquisti e promozioni, oltre che la fidelizzazione di vecchi e nuovi clienti (www.predix.it). Step successivo: estendere l’intelligenza artificiale ai negozi fisici. In campo a sostegno della startup anche Giffoni Innovation Hub, socio investitore di Predixit che ha curato anche la comunicazione del progetto. Predixit, guidata da Luca Ruju, è ospite della rassegna di innovazione Next Generation organizzata dall’Hub a Giffoni Valle Piana fino al 28 luglio con laboratori di intelligenza artificiale aperti al pubblico al Giffoni Village. La campagna di equity crowdfunding, promossa su Crowdfundme, è stata un successo al punto da aver centrato l’obiettivo prima della deadline prevista per la chiusura, il prossimo 6 agosto. Nel raggiungimento del traguardo di overfunding fondamentale è stato il contributo della società EPM srl, inserita nel programma internazionale Elite Growth, che ha puntato sull’innovazione investendo 200 mila euro in Predixit. La startup negli ultimi mesi ha collezionato riconoscimenti e premi: l’ingresso in Horizon 2020, il Consortium internazionale per AI, insieme a Esprit (DE) Università di Bolzano (IT), Meuserance (IRL), Consultoria de Innovacion (ESP), e quello nella classifica delle 100 Top Startup Italiane sulle quasi 10 mila nate in Italia. Il crowdfunding è solo il primo step della campagna di fundraising che durerà 12 mesi con obiettivo: un milione di euro. L’A.I di Predixit è user-friendly e sfrutta un sistemache (ri)conosce l’utente, ne intercetta le preferenze ma non lo “insegue” al di fuori dello store visitato, una esperienza di shopping online personalizzata ma non intrusiva. Gli algoritmi – sviluppati in esclusiva dal team di Predixit in collaborazione con l’Università di Cagliari – “studiano” le caratteristiche del visitatore, delineando un’offerta a sua immagine nel rispetto della privacy. Predixit identifica il dispositivo connesso non la persona, storicizza i comportamenti in anonimato, non esce dal negozio virtuale e non vende i dati a terzi ma li usa esclusivamente quando il consumatore è nello store, non si trasforma in “stalker” dell’utente. Gli innovatori di Predixit sono 3, di cui 2 italiani con importanti esperienze all’estero, che decidono di “rientrare in Italia” per scommettere sull’intelligenza artificiale per i retailer (on-line e off-line). Una la missione: portare una soluzione di AI tutta italiana all’estero, per offrire una alternativa alle vendite su Amazon. Sono Luca Ruju e Elio Narciso con background in Business Administration, Bocconi e Mit, hanno lavorato per grandi aziende (Telecom Italia, Goldman Sachs e Oliver Wyman), per oltre 10 anni hanno vissuto e analizzato il mercato Latam e Usa, imprenditori seriali con diverse startup sulle spalle e 2 exit eccellenti, tra cui la mobile company italiana Zero9 (valutata 80 milioni di dollari) dal principale fondo Italiano della famiglia Bonomi “InvestIndustrial” e successivamente venduta per oltre 10 milioni di euro a NeoMobile SPA, parte finanziata da BNL-BNP Paribas Group e parte con aumento di capitale da parte di MPS Venture and BlueGem. E Jacopo Sarri, a capo della tecnologia, formazione al Politecnico di Milano, oltre 20 anni di esperienza nel mercato ICT e fondatore di successo di una digital software factory. Predixit è accelerata nel 2015/2016 da Tim WCap.

in foto Luca Ruju, CEO Predixit
in foto Luca Ruju, CEO Predixit
in foto Luca Ruju, CEO Predixit