Premi, all’arcivescovo Paglia il “Cardinale Michele Giordano” 2018

45
in foto arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la vita

“Connessi gli uni agli altri, non per questo siamo davvero interessati ai destini di chi ci è prossimo. Al contrario, l’umanità sta attraversando una gravissima crisi di solidarieta’”. E’ quanto ha sottolineato l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la vita, ricevendo a Napoli il Premio cardinale Michele Giordano 2018 per il suo libro “Il crollo del noi” (Laterza). “Ciascuno – ha proseguito il presule – pensa a se stesso. Si e’ passati dal giusto riconoscimento dei diritti dell’uomo a una sorta di ‘egocrazia’. Il risultato e’ un vuoto insostenibile. Tanti sono i sintomi di un malessere esteso, che testimoniano la richiesta di ascolto e di aiuto”. Attraverso una lettura del presente che trae spunto dalla ricca esperienza pastorale e intellettuale dell’autore, il libro vincitore della sesta edizione del Premio cardinale Michele Giordano si sofferma ad analizzare una nuova cultura, un nuovo sogno, una nuova visione della contemporaneita’ fondata sul riconoscimento dell’importanza del bene comune. Secondo posto per il volume “Joseph Ratzinger-Benedetto XVI. Immagini di una vita” (San Paolo) dei giornalisti Maria Giuseppina Buonanno, caporedattore del settimanale Oggi, e Luca Caruso, portavoce della Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, che hanno ricordato la grande e antica amicizia tra il porporato lucano e il Papa emerito. Terzo classificato “L’enigma della zizzania” (Rubbettino) di monsignor Vincenzo Bertolone, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace. La giuria, presieduta dal professore Fulvio Tessitore, ha, inoltre, assegnato all’unanimita’ due menzioni speciali ai volumi “Vangelo e Psiche” (Cantagalli) di Luigi De Simone e Gianpaolo Pagano e “Dimmi che mangi e ti diro’ in chi credi” (Guida) di Germana Militerni Nardone. “Dobbiamo essere grati agli autori dei cinque libri premiati – ha detto il segretario del premio, Francesco Antonio Grana, vaticanista de ilfattoquotidiano.it – perche’ grazie al loro genio creativo ci danno la possibilita’ di ricordare il porporato rendendo cosi’ vivo e attuale il suo insegnamento”. Tra i presenti, nella Biblioteca cardinale Michele Giordano dove si e’ svolta la cerimonia di premiazione, anche Giuseppe Blasi, presidente della sezione campana dell’Unione Cattolica Stampa Italiana, ed Enzo Piscopo, direttore del settimanale dell’arcidiocesi di NAPOLI Nuova Stagione e portavoce del cardinale Crescenzio Sepe. Sorpresa finale per monsignor Salvatore Ardesini, per 23 anni segretario particolare del cardinale Giordano, al quale Papa Francesco ha inviato una speciale benedizione accompagnata da un messaggio di auguri in occasione del suo 40esimo di ordinazione sacerdotale.