Premi, consegnati i “Per Sempre Scugnizzo 2016”: riconoscimenti a Don Luigi Merola e Giovandomenico Lepore

86


Impegno sociale, medicina, cultura, musica, spettacolo, giornalismo, sport e imprenditoria sono i campi di attività dei premiati di “Per sempre Scugnizzo 2016”. I riconoscimenti sono stati consegnati nel corso di una manifestazione nell’Antisala dei Baroni al Maschio Angioino. Il premio, giunto alla sua seconda edizione, “intende valorizzare tutti coloro che da sempre con professionalità e grande dedizione svolgono il loro lavoro a Napoli e per Napoli”.

Premio Speciale Per sempre Scugnizzo a Giuseppe Di Marzo – Associazione Stella Splendente Per essere riuscito, giovane imprenditore, a dar vita ad una associazione capace in poco tempo di incidere decisamente sul territorio.

Premio Per sempre Scugnizzo per la Cultura Italo Cernia Decano degli stampatori campani, ha messo insieme un piccolo/grande impero. Oggi le più grandi società editrici nazionali di affidano alla sua azienda la stampa dei propri libri.

Premio Per sempre Scugnizzo per la Cultura a Raimondo Pasquino Già rettore dell’Università degli studi di Salerno. A lui l’onere e l’onore di essere a capo del Comitato organizzativo delle Universiadi che si terranno a Napoli nel 2019.

Premio Per sempre Scugnizzo per la Medicina a Gino Svanera Laureato con lode e plauso nel 2000, si è specializzato con lode nel 2004 in Ematologia, dal giugno 2006 lavora presso l’Asl Napoli 2 (poi divenuta Asl Napoli 2 Nord) negli Ospedali di Giugliano in Campania, Pozzuoli e Frattamaggiore.

Premio Per sempre Scugnizzo per la medicina a Antonio d’Amore Prima Commissario Straordinario, poi Direttore Generale della Asl Napoli 2. E’ intervenuto in modo incisivo sull’attività dell’Azienda Sanitaria dando il via alla riorganizzazione di alcuni servizi vitali.

Premio Per sempre Scugnizzo per l’impegno Sociale a Giandomenico Lepore Procuratore della Repubblica di Napoli dal 2004 al 2011.

Premio Per sempre Scugnizzo per l’impegno Sociale. a Padre Luigi Merola Parroco del quartiere di Forcella, il 14 dicembre del 2007 ha dato alla luce la fondazione “‘A voce d”e creature” che si dedica al recupero dei ragazzi a rischio.

Premio Per sempre Scugnizzo per l’impegno Sociale ad Alfonso D’Avino. E’ in magistratura dal 1984, dal 1990 lavora alla Procura di Napoli, della quale dal 2013 è Procuratore Aggiunto.

Premio Per sempre Scugnizzo per l’Imprenditoria a Giuliano Russo. Poco più che ventenne, nella sua stanzetta iniziò a lavorare ad un progetto molto ambizioso: fondare un brand di prodotti hi-tech. Nel novembre 2010 nasce VulTech.

Premio Per sempre Scugnizzo per la musica a Guido Lembo. Nasce come chitarrista in un locale tutt’ora esistente, il Guarracino (alle spalle della piazzetta di Capri).

Premio Per sempre Scugnizzo per lo spettacolo a Peppe Iodice Nel 1996 è vincitore della ” Festa degli Sconosciuti” diretta da Teddy Reno, mentre nel 1997 del “Premio Charlot” di cabaret. In tv ha fatto parte del cast di Zelig off, Zelig Arcimboldi.

Premio Per Sempre Scugnizzo per il giornalismo a Elisabetta Donadono Giornalista professionista, comunicatrice pubblica e scrittrice, dopo aver lavorato per diverse testate nazionali come il Corriere della Sera, il Sole 24 Ore, ha svolto attività di comunicazione pubblica ed ufficio stampa per diverse istituzioni, ha fondato nel 2012 il giornale online napolipost.com tra i pochi esempi in Italia di informazione in positivo ed è autrice di libri tra i quali Scrigni Ritrovati (Loffredo Editore) e Il Grand Food (Homo Scrivens).

Premio Per sempre Scugnizzo per il giornalismo a Gianfranco Coppola Giovanissimo inviato de Il Mattino e del “Roma”, oggi firma di punta della redazione Rai di Napoli.

Premio Per sempre Scugnizzo per il giornalismo a Salvatore Biazzo Irpino, volto storico della redazione di Napoli della Rai. Da giornalista ha seguito l’epopea del Napoli di Maradona e le vicissitudini che hanno portato al fallimento.

Premio Per Sempre Scugnizzo per lo Sport al senatore Cosimo Sibilia Oltre ai suoi impegni politici, è da sempre impegnato nello sport.

Premio Per Sempre Scugnizzo per lo Sport a Ciro Borriello, assessore allo Sport del Comune di Napoli. E’ colui che ha avuto in questi anni il compito di trattare con il presidente del Napoli per la questione del San Paolo.

Premio Per Sempre Scugnizzo per lo Sport a Giuseppe Bruscolotti. Il capitano dei capitani, il giocatore che vanta il maggior numero di presenze in assoluto con la maglia del Napoli, ben 511.

Premio Speciale per sempre Scugnizzo alla memoria di Pasquale D’Angelo. Storico tifoso del Napoli, è scomparso poco meno di due anni fa a Mosca dove si era recato carico di entusiasmo per seguire la sua squadra del cuore.