Premi, la Niaf annuncia l’Abruzzo come Regione d’Onore 2021

144

La National Italian American Foundation (Niaf) annuncia l’Abruzzo come Regione d’Onore 2021. Ogni anno, la Niaf collabora con una regione italiana promuovendone la cultura, gli affari e il turismo negli Stati Uniti, ma anche viaggiando nella regione per promuovere gli scambi culturali. La regione sarà inoltre premiata ufficialmente al 46° Gala della Niaf che si terrà il 23 ottobre 2021 a Washington, D.C.

Il presidente Robert E. Carlucci, i membri del comitato esecutivo e del consiglio di amministrazione della Fondazione si recheranno in Abruzzo questo autunno, dopo due giorni di incontri istituzionali a Roma. L’annuale “Missione in Italia” riunisce i leader della Niaf e i leader aziendali e di governo per discutere questioni chiave che influenzano le relazioni culturali, economiche e diplomatiche tra le nostre due nazioni in Abruzzo. Durante la visita alla Regione d’Onore 2021, la leadership della Niaf esplorerà i notevoli siti storici della regione ed incontrerà il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, oltre agli imprenditori regionali.

“L’Abruzzo offre un’autentica esperienza italiana con i suoi meravigliosi paesaggi naturali, villaggi secolari, cibo e vino deliziosi, chilometri di costa e aspri paesaggi montuosi”, ha affermato il presidente della Niaf Robert E. Carlucci. “Non vedo l’ora di visitare l’Abruzzo perché è una regione da cui molti italoamericani tracciano le loro origini italiane, me compreso. La famiglia di mio padre è emigrata negli Stati Uniti dall’Abruzzo”.

Tradizionalmente, durante la Missione NIAF in Italia, la delegazione incontra gli studenti dell’Ambassador Peter F. Secchia Voyage of Discovery. Il programma Ambassador Peter F. Secchia Voyage of Discovery non vede l’ora di tornare in Italia la prossima estate quando gli studenti avranno la possibilità di vedere, sentire ed assaporare la terra dei loro antenati. Inclusi nel viaggio vi sono i tour dei siti e del patrimonio culturale e, naturalmente, una giornata di volontariato dedicata alla comunità locale.

Situato tra Lazio, Marche e Molise, l’Abruzzo vanta bellissime spiagge, borghi medievali ricchi di storia, piste da sci sull’Appennino e tanta natura meravigliosa. Un terzo della regione è costituito da parchi nazionali, il che la rende la regione più rurale d’Italia. La fauna autoctona d’Abruzzo è un tesoro italiano, che comprende l’aquila reale, il lupo appenninico, il camoscio simile ad un’antilope e, soprattutto, l’orso bruno marsicano (una specie in pericolo di estinzione che si trova solo nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise). Il suo vasto splendore naturale comprende sette laghi pittoreschi, come il famoso Lago di Scanno a forma di cuore. I parchi nazionali e le catene montuose abruzzesi, tra cui il Gran Sasso e il Massiccio della Maiella, che digradano fino alla costa adriatica, offrono numerose attività all’aria aperta, tra cui trekking, sci, mountain bike , arrampicata e parapendio.

Con i diversi paesaggi della regione, l’agricoltura e la pesca sono importanti. Come ovunque in Italia, l’Abruzzo ha una lunga storia di produzione di pasta di alta qualità insieme ad altre ricche tradizioni enogastronomiche. Ad esempio, l’Abruzzo è uno dei principali fornitori di tartufi, il 60 per cento dei tartufi italiani proviene dall’Abruzzo e dal Molise. Molti pregiati tartufi bianchi venduti ad Alba, in Piemonte, provengono dall’Abruzzo, dove il clima offre un ambiente perfetto per la crescita di diverse varietà di tartufi: il tartufo bianco, il tartufo nero, due tipi di tartufo estivo, il tartufo invernale e il bianchetto tartufo.

La Niaf e la Regione Abruzzo hanno lavorato insieme nel recente passato, in un momento di crisi. L’Abruzzo ha fatto notizia a livello internazionale nell’aprile del 2009 quando un terremoto di magnitudo 6,3 ha scosso la regione e la vita di decine di migliaia di suoi cittadini. Il Niaf-Abruzzo Relief Fund ha raccolto quasi 800.000 dollari per i soccorsi, mentre una partnership pubblico-privata tra la Niaf e il Dipartimento di Stato americano ha aiutato a portare 52 studenti sfollati dell’Università dell’Aquila negli Stati Uniti per continuare i loro studi nelle università americane. La Fondazione è stata ispirata dal generoso sostegno finanziario che la comunità italoamericana ha donato per fornire aiuti ai residenti dell’Abruzzo