Premi, la ‘Salvemini’ di San Sebastiano al Vesuvio terza al Federchimica giovani

30

Con l’elaborato bilingue ‘Mani in chimica’, la scuola secondaria di primo grado ‘Gaetano Salvemini’ di San Sebastiano al Vesuvio (Napoli) si e’ aggiudicata il terzo posto del premio nazionale ‘Federchimica Giovani’ 2017/2018. La cerimonia di premiazione si svolgera’ al Palazzo Ducale di Genova il 26 ottobre, nell’ambito del prossimo Festival della Scienza e vedra’ partecipare una delegazione di famiglie e insegnanti insieme ai ragazzi che si sono classificati al terzo posto del concorso ideato per avvicinare i giovani alla chimica, sia come scienza che come industria, migliorarne la conoscenza e valorizzare il suo contributo al benessere dell’umanita’. Coordinati dai docenti Bianca Marrano, Anna Guercia e Antonio Mauriello, gli alunni delle classi III H e III I dello scorso anno scolastico hanno lavorato all’elaborato bilingue, italiano e inglese, che hai poi conquistato il terzo posto presso i laboratori di chimica del vicino polo liceale ‘Salvatore Di Giacomo’, grazie ad un accordo di collaborazione che permette anche agli studenti della superiore di I grado di usufruirne. La dirigente dell’istituto, Maria Carmela Iozzia si e’ detta ”molto soddisfatta” del risultato ottenuto dagli ormai ex alunni della scuola. ”Un altro risultato straordinario per la nostra scuola dopo il premio di Legambiente che nei mesi scorsi ha visto anche un plesso della primaria imporsi a livello nazionale con un progetto sul riciclo” hanno commentato il sindaco, Salvatore Sannino e l’assessore alla Pubblica Istruzione, Assia Filosa. Il Premio Nazionale Federchimica Giovani e’ promosso da Federchimica, la Federazione nazionale dell’Industria Chimica e da alcune delle sue associazioni di settore, in collaborazione con il Miur Dg per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione e premia progetti didattici innovativi e creativi. La scuola ‘Gaetano Salvemini’ si e’ aggiudicata 1.250 euro in materiale scientifico, condividendo il terzo posto in ex aequo con l’istituto comprensivo ‘Cinquegrana’ di Sant’Arpino in provincia di Caserta.