Premi: Manutencoop facility management, borse studio a studenti meritevoli

32

Bologna, 14 mar. (Labitalia) – Al via oggi le premiazioni dell’VIII edizione di ‘Un futuro di valore’, l’iniziativa di Manutencoop facility management, capofila del principale gruppo italiano attivo nell’integrated facility management, che assegna ogni anno importanti borse di studio agli studenti più meritevoli di tutta Italia. In quest’edizione le borse di studio assegnate sono state 281, 77 a studenti universitari e 204 ad alunni delle superiori, per un ammontare complessivo pari a circa 160.000 euro.

Le cerimonie di consegna degli assegni, 1.000 euro per gli studenti delle Università e 400 euro per gli studenti delle superiori, toccheranno nelle prossime settimane tutte le principali sedi del gruppo: da Imola, dove l’iniziativa prende il via oggi, a Firenze, Milano, Bologna, Roma e Mestre, fino a Modena e Napoli. Il tour vedrà la partecipazione del top management di Mfm e di importanti rappresentanti delle istituzioni locali, oltre che, naturalmente, dei tanti studenti premiati.

I riconoscimenti sono rivolti a figli di dipendenti del gruppo Mfm (Manutencoop società cooperativa, Manutencoop Facility Management, Servizi Ospedalieri, H2H Facility Solutions, e-Digital Services, Yougenio, Manutencoop International FM, società del gruppo Sicura e Telepost) a tempo indeterminato (97% dell’organico complessivo), assunti da almeno 12 mesi.

Per quanto riguarda gli studenti delle scuole superiori, i partecipanti dovevano aver superato l’anno scolastico 2016-2017 con una media dei voti superiore a 7,5/10, escludendo le valutazioni in educazione fisica, religione e condotta. Potevano concorrere anche quegli studenti che, all’ultimo anno di studi, che avevano superato l’esame di maturità con votazione pari o superiore a 75/100. Per quanto riguarda gli studenti universitari, sia di atenei pubblici che privati, i partecipanti dovevano essere in corso con gli esami, avendo superato almeno i 2/3 di quelli previsti dal proprio piano di studi, e aver conseguito una media dei voti superiore ai 27/30.

Gli studenti che avrebbero conseguito la laurea nell’anno accademico 2016/2017 dovevano dimostrare di aver conseguito una votazione pari o superiore a 90/100 o 99/110. Potevano, ovviamente, partecipare anche quegli studenti che terminano il loro cursus studiorum con la sessione di laurea del mese di marzo 2018, termine dell’anno accademico 2016/2017.

Dal 2010, anno della prima edizione, il gruppo ha già assegnato più di 1 milione di euro in borse di studio ad oltre 1.000 studenti, molti dei quali premiati nell’arco del loro intero percorso di studi. Tale importo si aggiunge ai numerosi ulteriori fondi destinati ad iniziative di welfare aziendale messi a disposizione dal Gruppo per le proprie risorse.

“La formazione -ha dichiarato Giuliano Di Bernardo, presidente e amministratore delegato di Manutencoop Facility Management- costituisce l’unica chiave di successo reale per i nostri ragazzi che rappresentano il futuro del nostro Paese. Per questo motivo, il nostro gruppo è impegnato da anni a promuovere iniziative che premino il merito di tanti studenti, oltre che a investire nel welfare delle nostre risorse. Sono, quindi, orgoglioso di poter premiare tanti studenti che si sono distinti per l’impegno profuso nel proprio percorso di studi, con l’augurio che, grazie anche al nostro contributo, possano realizzare tutte le loro aspettative”.

“Le borse di studio sono un grande esempio di solidarietà intergenerazionale: chi lavora si fa carico dei bisogni di chi sta studiando per costruire il proprio futuro”, ha detto Claudio Levorato, presidente di Manutencoop Società Cooperativa che ha ideato e fortemente sostenuto il progetto avviato nel 2009.

“Siamo particolarmente orgogliosi -ha affermato- di questo progetto che abbiamo curato e fatto crescere nel tempo. Crediamo sia una ulteriore espressione della nostra capacità di essere una presenza solidale sui territori e della solidarietà che ha sempre ispirato la nostra azione imprenditoriale portandoci a investire tante volte, negli ultimi 20 anni, in cooperative ed aziende in crisi contribuendo, a trasformarle in realtà di successo”.