Premio Biagio Agnes, gran finale a Sorrento con parata di star del giornalismo e dello spettacolo

875
In foto Simona Agnes, Mara Venier, Gianni Letta e Alberto Matano

di Maridì Vicedomini

Si è conclusa con successo la XI edizione del Premio Biagio Agnes, presidente Simona Agnes, svoltasi nella città di Sorrento dal 21 al 23 giugno. Il Premio Internazionale dell’Informazione dedicato alla memoria del grande giornalista scomparso, storico direttore generale della Rai, realizzato in collaborazione con la Rai ed in partnership con Confindustria, come testualmente riferisce la presidente Agnes, è nato con l’obiettivo di promuovere il giornalismo di qualità, atto a descrivere il mondo che ci circonda, ma anche di interpretarlo o addirittura di anticiparlo, riservando nel contempo ampia visibilità alle imprese italiane al fine di valorizzarle con l’approfondimento di tematiche relative a processi di sviluppo e crescita economica, sociale e culturale dell’Italia. Ad aprire le attività di questa nuova, vincente edizione del Premio Agnes, che vanta il patrocinio della presidenza del Consiglio dei ministri, del Ministero dei Beni e delle Attività culturali, della Regione Campania, del Comune di Sorrento, dell’Ordine nazionale dei giornalisti e dell’Unione cattolica stampa italiana, un dinner gala di benvenuto tenutosi venerdì sera, 21 giugno, come di rito, al Grand Hotel Excelsior Vittoria, dimora storica di grande prestigio dove “la leggenda” il tenore Enrico Caruso soggiornò per un lungo periodo, a cui hanno partecipato grandi nomi delle istituzioni, del giornalismo, della cultura e dello spettacolo, tra cui l’onorevole Antonio Tajani, Fabrizio Salini, amministratore delegato della Rai, Teresa De Santis, direttore di Rai1, il presidente del Consiglio di stato Filippo Patroni Griffi, Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema, con la moglie Paola Marchesini, direttore di Radio2, Antonio Preziosi, direttore di Rai Parlamento, Beatrice Coletti, membro del Consiglio di amministrazione Rai, Enrico Vanzina con la moglie Federica, Anna Falchi con il deputato Andrea Ruggieri, Sandra Carraro, Albino Maiori, Giampaolo Letta, amministratore delegato di Medusa , Antonella Boralevi, Gigi Marzullo, oltre a tutti i premiati.
Nel corso della cena, curata dallo chef stellato Antonino Montefusco, c’è stata un’emozionante parentesi musicale in omaggio a Mara Venier a cura del cantante italoaustraliano Alfio che ha magistralmente intonato il brano “My way”, accompagnato dal pianoforte. A seguire, il sabato pomeriggio, un momento di riflessione sullo stato di “salute” dell’economia del nostro Paese con un interessante dibattito nella sala consiliare del Comune di Sorrento dal titolo: “L’Impresa di famiglia: forza trainante e orgoglio del nostro Paese”, moderato da Giovanna Pancheri, giornalista di Sky Tg24. Sono intervenuti:Francesco Casoli, presidente Elica, Benedetto Cavalieri, presidente Antico Pastificio Cavalieri, Fabio Corsico, direttore Executive Programme in Family Business Management Luiss Business School, Marco Lavazza, vice presidente Lavazza Spa, Matteo Zoppas, consigliere di amministrazione Acqua Minerale San Benedetto Spa. In serata, sul palcoscenico posizionato sulla spiaggia di Marina Grande, la cerimonia di premiazione del “Premio Biagio Agnes “2019, che verrà trasmessa sabato 29 giugno in seconda serata su Rai 1, condotta da Mara Venier e dal giornalista Alberto Matano. Ad aprire il sipario, per lo spettacolo, l’applauditissima performance di Massimo Ranieri, seguita dalle “voce” potente di Albano, che ha poi ceduto il palcoscenico ad Alessandro Siani, impegnato nel suo spettacolo“ Tour Felicità” in giro per l’Italia, appena reduce dalla presentazione a Positano di “Napolitudine” un libro scritto a quattro mani con Luciano De Crescenzo (edizioni Mondadori) ed in attesa dell’uscita del suo ultimo film “Il giorno più bello del mondo”, prevista il prossimo 31 ottobre. Ed ancora, sempre per la musica, molto apprezzate le esibizioni canore di Arisa e del tenore Alfio. Durante la manifestazione sono stati consegnati i prestigiosi riconoscimenti in base alle indicazioni dettate dall’autorevole giuria, presieduta da Gianni Letta con Marcello Foa, presidente onorario del Premio Agnes, composta da Fabrizio Salini, Antonella Mansi, Pierluigi Magnaschi, Virman Cusenza, Vincenzo De Luca, Stefano Folli, Luciano Fontana, Mons. Dario Edoardo Viganò, Marcello Sorgi, Fabio Tamburini, Antonio Polito, Paolo Liguori, Giuseppe Marra,Guido Gentili, Paolo Garimberti, Antonio Martusciello, Giampiero Gramaglia, Carlo Verna, Roberto Gervasio, la quale si è così espressa: Antoni Cases ( Premio Internazionale)), Lina Palmerini (Premio per la Carta Stampata), Gianni Santucci (Premio Miglior Cronista), Andrea Bassi (Premio Giornalista d’Inchiesta), Giovanna Pancheri (Premio Giornalista d’Europa alla memoria di Antonio
Megalizzi), Lucia Goracci (Premio per la Televisione), I Lunatici, Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio (Premio per la Radio), Andrea Pontini (Premio Nuove Frontiere del Giornalismo), La Gazzetta dello Sport (Premio Giornalismo Sportivo) Francesco Maesano (Premio Under 35) Serena Rossi (Premio Cinema e Fiction) per la superba interpretazione attoriale nella fiction “Mia” dedicata all’artista Mia Martini scomparsa prematuramente che ha regalato al pubblico un bellissimo tributo canoro; ed ancora Il Premio Giornalista Scrittore è andato a Gennaro Sangiuliano per la saggistica ed a Giovanni Grasso per la narrativa, mentre il Premio Editoria è stato assegnato al Messaggero (quotidiano) ed a Domus (periodico). Come da tradizione, la Fondazione Biagio Agnes assegnerà una Borsa di studio al primo classificato in graduatoria della Scuola superiore di giornalismo dell’Università Luiss Guido Carli di Roma, a testimonianza della particolare attenzione al mondo dei giovani.
Gran finale con un dinner place dai sapori mediterranei in onore dei vincitori ai Bagni Sant’Anna a cui hanno partecipato anche autorità istituzionali come il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo con la moglie Rosaria, Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ed uno spettacolo di fuochi d’artificio che ha illuminato a giorno la suggestiva baia di Sorrento.