Premio Penisola Sorrentina, arriva il patrocinio del Ministero della Cultura

29
in foto Dario Franceschini

Il Ministro Dario Franceschini ha assegnato il Patrocinio del Ministero della Cultura alla ventisettesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina” ®, che si concluderà a Sorrento ad ottobre prossimo.
A darne comunicazione ufficiale al direttore del Premio, Mario Esposito, è stato il capo di Gabinetto Annalisa Cipollone.
Il Premio “Penisola Sorrentina” ® è stato fondato nel 1996 dal poeta Arturo Esposito. È un riconoscimento di rilevanza nazionale dedicato alla cultura, al cinema e all’audiovisivo, inserito nel cartello degli eventi di promozione cinematografica del Ministero della Cultura e della Regione Campania, attraverso la Campania Film Commission.
“La Campania è attraversata da un fermento rigenerante che la Regione ha incoraggiato e sostenuto con una strategia vincente di accoglienza e assistenza alle produzioni, attraverso l’azione efficace della Film Commission, e con un’opera di attenzione e ascolto delle realtà locali confluita, peraltro, nei principi della Legge regionale sul Cinema”, afferma Rosanna Romano direttore generale per le Politiche Culturali e il Turismo della Regione Campania.
Il Premio riserva una attenzione particolare alle tematiche del paesaggio e dell’ambiente e quest’anno sceglierà tra i temi principali delle produzioni quello del dialogo e della pace tra i popoli.
Nell’albo d’oro del riconoscimento figurano nomi di Capi di Stato, Premi Oscar ® , poeti, sceneggiatori e scrittori di razza, tra cui Francesco Cossiga, Walter Veltroni, Alberto Bevilacqua, Giovanni Raboni, Maria Luisa Spaziani, Edoardo Sanguineti, Giancarlo Giannini, Nicola Piovani, Fred Murray Abraham.
L’importanza del riconoscimento per la promozione del territorio attraverso la cultura e il cinema è sottolineata dal Sindaco di Sorrento Massimo Coppola, che sostiene l’iniziativa: “Gli organizzatori del Premio Internazionale Penisola Sorrentina – dichiara Coppola – non smettono mai di sorprendere. Sarà così anche in occasione della ventisettesima edizione dell’evento che offrirà lo spunto per articolare un racconto dell’Italia della cultura, del cinema e dello spettacolo nell’era post Covid”.