Premio Penisola Sorrentina, grande successo per la XXIII edizione

81

di Maridì Vicedomini

Grande successo per la XXIII Edizione del “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito” che vanta come patron il dinamicissimo Mario Esposito. La manifestazione si è svolta qualche giorno fa al Teatro Delle Rose di Piano di Sorrento, in una straordinaria sinergia tra musica, cinema e teatro con un’attenzione particolare rivolta ai problemi del “sociale”. Come ouverture, molto suggestiva la cover rock di Puccini del tenore Federico Paciotti. A seguire, la consegna degli ambiti riconoscimenti ad autorevoli esponenti del patrimonio culturale nazionale ed internazionale, intervallata da momenti artistici di alto profilo come l’omaggio poetico a “Genova nel cuore” di Jonathan Kashanian. In particolare sono stati premiati: Bianca Atzei e Jonathan Kashanian (“artisti dell’anno”, premio musicale Lino Trezza), Francesco Branchetti e Deborah Caprioglio per il lavoro teatrale “Deboras Love”, una sorta di viaggio coinvolgente nel “vissuto” dell’attrice veneziana fin dalla sua infanzia, Anna Capasso e Michele Cucuzza, portatori con il film “Gramigna” di un messaggio etico-civile, hanno ricevuto il riconoscimento “Vincenzo Russo”. Ed ancora per la sua raffinata comicità teatrale, Maurizio Micheli è stato insignito con il Premio Dino Verde, mentre è stata premiata l’attrice Valentina Romani, protagonista della fiction Rai “Aldo Moro il Professore”, un lavoro di grande impatto per il coinvolgimento delle scuole e dei giovani. Per la sezione cultura premi al graffitista Jorit (sul palco ha ritirato il premio con il volto coperto), alla direttrice di Ravello Festival Laura Valente e al Parroco di Rione Sanità Don Antonio Loffredo. Da segnalare, uno speciale premio “Italia-Giappone” per il progetto di promozione della canzone italiana all’estero curato da Hiromi Maekawa. Nell’anno italiano del cibo, consegnato ai coniugi Alfonso e Livia Iaccarino, proprietari dello storico locale Don Alfonso 1890, il riconoscimento speciale sezione genius loci mentre il Premio per il teatro sociale è andato a Paolo Ruffini (per lo spettacolo “Up & Down”). Ed ancora, il premio alla carriera è andato al pianista jazz Danilo Rea, mentre il cantautore Povia ha ricevuto il Premio Poesia e Giuseppe Stasi e Giancarlo Fontana il Premio Regia. Quest’anno la manifestazione è stata caratterizzata da un prologo ospitato nei saloni del Museo Correale di Sorrento, che ha aperto le sue sfarzose sale a Giancarlo Magalli ed al Direttore Rai Basilicata Oreste Lo Pomo, protagonisti de “I Dialoghi del Premio Penisola Sorrentina”. Il Museo sorrentino, presieduto da Gaetano Mauro, ha fatto da scenario per le due giornate di tavole rotonde sul patrimonio storico-artistico della Costiera, con uno sguardo particolare all’appuntamento internazionale di Matera 2019 Capitale Europea della Cultura con cui il Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito” ha stretto una partnership di promozione cinematografica.