Premio Sele d’Oro: si chiude domani con il presidente del Parlamento Ue e il ministro dell’Agricoltura (in video)

104
in foto il sindaco di Oliveto Citra, Mino Pignata, e il ministro dell'Università, Gaetano Manfredi

Ci saranno anche i videomessaggi del presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, e della ministra delle Politiche agricole alimentari e forestali, Teresa Bellanova, nella giornata finale del XXXVI Premio Sele d’Oro Mezzogiorno, in programma sabato 5 settembre a Oliveto Citra. Nell’Auditorium provinciale, a partire dalle 18, si terrà la conferenza conclusiva con i premiati e i componenti della Giuria del Premio. Al centro del dibattito, il tema dell’edizione 2020 della manifestazione: Ripartire/Restart.
A introdurre la conferenza conclusiva, coordinata dal giornalista Emanuele Imperiali, saranno il sindaco di Oliveto Citra, Mino Pignata, e il presidente della Giuria del Premio Sele d’Oro Mezzogiorno, professore ordinario all’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, Amedeo Lepore. Tanti gli interventi in programma, in presenza o in collegamento video: Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont e presidente di Spring; Teresa Bellanova, ministra delle politiche agricole alimentari e forestali; Maria Rosaria Brunetti, human resources manager; Gerardo Capozza, consigliere per il Sud della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Vittorio Daniele, professore di Politica economica all’Università Magna Graecia di Catanzaro; Claudio De Vincenti, professore ordinario Università di Roma La Sapienza, già ministro per la coesione territoriale e il Mezzogiorno; Luigi Fiorentino, capo Gabinetto Ministero dell’Istruzione; Carmine Fotina, giornalista de Il Sole 24 Ore; Antonio Giordano, accademico, oncologo, patologo, genetista e ricercatore internazionale; Vito Grassi, Vicepresidente Confindustria; Caterina Meglio, amministratore delegato di Materias srl; Federico Monga, direttore del Mattino; Stefano Palermo, professore di Storia economica presso l’Università Telematica Pegaso; Umberto Ranieri, presidente Fondazione Mezzogiorno Europa; Florindo Rubbettino, presidente della Rubbettino editore e della Rubbettino industrie grafiche. Infine, attraverso un videomessaggio, anche David Sassoli, presidente del Parlamento Europeo, porterà la sua testimonianza al Premio Sele d’Oro.
Alle 21.30, sempre nell’Auditorium provinciale, spazio a Mediterranei. La storica cerimonia di consegna dei Premi della XXXVI Edizione del Premio Sele d’Oro Mezzogiorno sarà condotta dalla giornalista Giovanna Di Giorgio. La cerimonia sarà anche l’occasione, a dieci anni dalla scomparsa, per ricordare il “sindaco pescatore” Angelo Vassallo.
“Il Covid19, con la dolorosa esperienza del lockdown, ha segnato e sta segnando le vite di tutti noi. Metaforicamente, ha sconvolto la nostra quotidianità come un terremoto – dichiara Mino Pignata – Ecco, come fu necessario ripartire allora, è necessario ripartire oggi. In questa settimana di incontri e dibattiti, abbiamo messo al centro proprio il tema scelto come titolo per l’edizione 2020 del Premio: ripartire. Un ripartire inteso come una sorta di imperativo: ora come allora dobbiamo rimboccarci le maniche e ricominciare, ricostruire, reinventare. E il Mezzogiorno, in questa nuova sfida, può e deve avere un ruolo da protagonista”.
Il programma completo dell’evento è consultabile sul sito www.seledoro.eu