“Premio Sgarrupato”, domani a Napoli la consegna del riconoscimento in memoria di Marcello D’Orta

50

Saranno consegnati domani, alle ore 10, nella Sala Giunta del Comune di Napoli il “Premio Sgarrupato 2018” ad Alessandro Gallo, autore di “Tutta un’altra storia” (ed. Navarra), e le targhe di ceramica a Maria Franco per “La Carta e la vita – I ragazzi e le ragazze di Nisida raccontano la Costituzione” (ed. Guida) e a Marco Perillo per “Misteri e segreti dei quartieri di Napoli” (Newton Compton), secondi a pari merito. Il vincitore è stato decretato dadai 240 studenti delle sei scuole medie di Secondigliano, che hanno votato in due tornate, un gruppo a scuola e una “giuria di qualità” nel corso di una manifestazione tenutasi presso il teatro della parrocchia dei Sacri Cuori a Secondigliano.
Il “Premio Sgarrupato”, indetto per onorare la memoria di Marcello d’Orta, è costituita da una artistica scultura realizzata dal maestro artigiano Vincenzo Casaburi. Nel corso della manifestazione sarà fatto il consuntivo di un anno di attività del SeLF e annunciate le novità per la prossima edizione. Nel corso dell’anno scolastico 2017-18 l’associazione di volontariato culturale che opera nelle scuole di Secondigliano ha organizzato almeno un evento al mese ed ha partecipato e sostenuto le attivita’ messe in campo dalle varie scuole sui temi della legalita’, della lotta alla violenza, dell’ambiente. A ottobre è iniziata la distribuzione dei libri ai ragazzi del progetto lettura ed è stato avviato il progetto “RivisitoNapoli” (i ragazzi in giro per la città e poi a raccontare i luoghi di cui avevano letto dai libri e che avevano visto di persona); a novembre mostra d’arte “D’amore e di sangue” sulla violenza contro le donne e pubblicazione del libricino “Scrivo”, una raccolta di venti poesie illustrata con disegni originali e messa in vendita per ricavare fondi a sostegno delle iniziative; ed è stato organizzato un corso di aggiornamento professionale per i giornalisti sulle periferie; a novembre, nel Sacrario Januario al Corso Secondigliano cinque giorni con la mostra d’arte “D’amore e di sangue” con opere di Mariarosaria Rotondo contro la violenza sulle donne; a dicembre pubblicazione del libro “Il mare bagna ancora Napoli”, otto racconti scritti per SeLF dagli autori che avevano partecipato alle prime quattro edizioni (il libro sara’ uno dei testi che saranno sottoposti ai giovani nella prossima edizione) e quattro concerti di Natale sul tema “Aspettando la luce” con la esibizione dei giovani delle scuole a indizizzo musicale in tre chiese del quartiere (al primo concerto ha partecipato anche il tenore Luca Lupoli del Teatro di San Carlo); a gennaio primo incontro con l’autore, con Maria Franco e l’assessore comunale alla scuola e istruzione Annamaria Palmieni, nonche’ Paola Del Giudice in rappresentanza dell’assessore ai giovani Alessandra Clemente, a parlare di Costituzione nel settantennale della sua istituzione e partecipazione alle iniziative delle scuole sulla giornata della memoria per la Shoa.; a febbraio secondo incontro con Alessandro Gallo, un giovane originario del Rione Traiano, diventato nel tempo scrittore, regista, autore di testi teatrali e paladino delle lotte antimafie in tutta l’Italia; a marzo terzo incontro con Marco Perillo, che si e’ confrontato con i misteri e i segreti dei quartieri di Napoli ma anche con i problemi della citta’; e iniziative per il Marzo Donna 2018. Aprile con un’altra manifestazione per la legalita’ con i parenti delle vittime innocenti, la realizzazione e la presentazione nelle scuole del maxi libro “Streghe, janare e fattucchiere” realizzato con i lavori dei bambini delle scuole primarie; a maggio chiusura con la votazione e la consegna del Premio e delle targhe. Intanto prosegue nelle varie scuole l’intitolazione degli alberi alle vittime innocenti della violenza. SeLF è una associazione di volontariato culturale che finora ha ricevuto il patrocinio morale della Regione Campania, dei Comuni di Napoli, Bologna, Firenze e Giugliano, della VII Municipalita’ di Napoli e dell’Ordine dei giornalisti. SeLF si avvale di un contributo dell’Ordine dei giornalisti della Campania e del Sindacato unitario giornalisti della Campania (Sugc) e della collaborazione della Congregazione dei missionari dei Sacri Cuori, dell’Associazione arte presepiale, della LS Comunicazione e dell’Isis Vittorio Veneto.