Primo maggio, boom di turisti in Campania: bene siti archeologici e Vesuvio

85

Il tempo incerto non ha scoraggiato turisti e gruppi di famiglie che hanno preferito trascorrere il Primo Maggio tra la natura o nei siti d’arte e d’interesse storico in provincia di Napoli. Ben 4.782 sono stati i visitatori al Gran Cono, il sentiero più battuto che conduce alla vetta del Vesuvio, secondo il dato del consorzio Arte’m concessionario del servizio di biglietteria. I siti archeologici vesuviani – secondo quanto comunica la Soprintendenza – hanno fatto registrare, a chiusura della biglietteria, complessivamente 16.852 presenze. Boom a Pompei con 14.178 visitatori mentre al Parco archeologico di Ercolano se ne contano 2.481. Qui per l’intera giornata i turisti hanno potuto partecipare a percorsi con approfondimenti tematici tra botteghe e taverne nell’ambito dell’evento Maiuri pop up, dedicato al grande archeologo Amedeo Maiuri. Gli Scavi di Oplonti registrano 170 visitatori e 23 il Museo di Boscoreale. Tante le famiglie che si sono recate al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa a Portici (Napoli) nell’ultimo giorno de ‘Le ferrovie in miniatura’, evento dedicato al mondo del modellismo con un circuito a ‘vapore vivo’ e l’esposizione di plastici su alcune delle tratte della provincia italiana.