Primo Taglio, la bottega online
che ha conquistato il web

328

C’è l’intuito tutto campano del Gruppo Amodio dietro Primo Taglio, il fenomeno che sta conquistando il web grazie alla vendita online di prodotti di alta qualità. C’è l’intuito tutto campano del Gruppo Amodio dietro Primo Taglio, il fenomeno che sta conquistando il web grazie alla vendita online di prodotti di alta qualità. Gli Amodio sono nel settore del food addirittura dal 1880 e commerciano in massima parte salumi. Primo Taglio nasce invece da EFood, la start-up creata appositamente per gestire il progetto. Dalle mozzarelle ai prodotti tipici, da Primo Taglio si trova tutto quello che normalmente è possibile acquistare in una bottega o in una di quelle salumerie che vendono prodotti di nicchia. “Il successo dell’iniziativa scaturisce dalla nostra costante capacità di interpretare il cambiamento e di cavalcarlo con la forza della qualità e di un servizio distintivo”, dichiara Francesco Amodio, amministratore delegato dell’omonima società. “Abbiamo individuato nella digitalizzazione, con il progetto Primo Taglio, la principale direttrice di crescita, se ad oggi abbiamo investito 1,5 milioni di euro e impiegato da subito 15 persone. In prospettiva vorremmo proporre Primo Taglio – prosegue Amodio – come Hub degli artigiani italiani delle eccellenze alimentari”. In termini di fatturato, per Primo Taglio si punta a raggiungere 15 milioni di euro di ricavi in 2/3 anni, arrivando in questo tempo ad occupare circa 80 persone. Partner strategico e tecnologico del progetto Primo Taglio è Triboo Digitale, e-commerce company integrata che realizza e gestisce il commercio elettronico e la strategia digital di prestigiosi brand. L’altra caratteristica distintiva del progetto è la gestione diretta delle consegne, che vengono effettuate dalla società direttamente presso l’indirizzo fornito dal cliente e mediante l’utilizzo di quelli che gli Amodio chiamano “Messaggeri del Gusto”.