Processo Crescent, abuso d’ufficio: i pm chiedono la condanna per De Luca

90

Condanne per il governatore Vincenzo De Luca e per tutti gli altri 21 imputati sono state chieste ieri dai pm durante la requisitoria nel processo Crescent, relativo a presunte irregolarità nell’iter per la realizzazione sul lungomare di Salerno di un complesso abitativo. I fatti sono relativi al periodo in cui De Luca era sindaco di Salerno: il presidente della Regione Campania è accusato di abuso d’ufficio e falso, e per lui – come riportano oggi i media campani – i pm hanno chiesto una condanna a 2 anni e 10 mesi di reclusione. Nel caso di sentenza di colpevolezza per l’abuso d’ufficio scatterebbe per De Luca la sospensione prevista dalla legge Severino. Pene più lievi (9 mesi) sono chieste per la vicesindaca di Salerno Eva Avossa e quattro consiglieri regionali attualmente in carica. La sentenza è attesa ai primi di luglio. La difesa ribadisce l’estraneità di De Luca a tutti gli addebiti contestati. Il presidente della Regione potrebbe rendere dichiarazioni spontanee in aula prima della sentenza.