Procura Roma: legali Viola, ‘Csm ha sbagliato nel ritenere prevalente il profilo di Prestipino’ (2)

9

(Adnkronos) – “Inoltre, la sentenza del Consiglio di Stato sostiene che la delibera del CSM è caratterizzata da “manifesta irragionevolezza, laddove da un lato valorizzano le funzioni di aggiunto svolte per appena poco più di tre mesi dal dott. Prestipino Giarritta”, ma non prende in adeguata considerazione lo svolgimento, da parte del dott. Viola “per ben tre anni, della funzione direttiva di secondo grado di Procuratore Generale presso una delle principali Corti d’Appello italiane (Corte d’appello di Firenze)”, spiegano i legali di Marcello Viola.