Prodotti agricoli sui mercati esteri: dall’Ue 85,5 milioni per la promozione

60

Un bando da 85,5 milioni di euro per sostenere azioni di informazione e promozione dei prodotti agricoli realizzate sul mercato interno e nei paesi terzi: a lanciarlo è la Commissione europea che punta così a rafforzare la competitività del settore e ottimizzarne l’immagine tanto all’interno quanto all’esterno dell’Unione.

Il bando riguarda l’esecuzione di programmi semplici (che possono essere presentati da una o più organizzazioni proponenti provenienti da uno Stato membro) e si articola in 8 temi ripartiti tra mercato interno (i primi due) e Paesi Terzi.

Mercati interni
Il primo tema riguarda programmi di informazione e di promozione destinati a rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell’Unione: regimi che riguardano i prodotti Dop, Igp, Stg e le indicazioni facoltative di qualità; agricoltura biologica; simbolo grafico dei prodotti agricoli di qualità caratteristici delle Regioni ultraperiferiche. Il budget assegnato è di 12.375.000 euro.
Il secondo tema si concentra, invece, su programmi di informazione e di promozione destinati a mettere in evidenza le specificità dei metodi di produzione agricola nell’Unione e le caratteristiche dei prodotti agroalimentari europei. La somma destinata a questa misura ammonta a 10.125.000 euro

Paesi Terzi
Il tema numero tre fa riferimento a programmi di informazione e di promozione destinati a uno o più dei seguenti paesi: Cina (compresi Honl Kong e Macao), Giappone, Corea del Sud o Taiwan, regione del sud-est asiatico o India. Il budget indicativo è 14.750.000 euro

Puntano su Stati Uniti, Canada e Messico i programmi di informazione e di promozione del quarto tema che può contare su uno stanziamento di 11.600.000 euro.
Africa, Medio Oriente (Asia occidentale), Iran e Turchia sono i Paesi target dei programmi del quinto tema che ha un budget di 8.450.000 euro.
Il tema 6 punta su programmi di informazione e promozione destinati ad altre zone geografiche
con uno stanziamento di 11.600.000 euro. Il settimo tema riguarda programmi d’informazione e di promozione dei prodotti lattiero-caseari, dei prodotti a base di carne suina o di una combinazione dei due destinati ad un paese terzo con un budget indicativo di 12.600.000 euro.
L’ultimo tema si concentra, infine, sui programmi di informazione e di promozione dei prodotti a base di carni bovine destinati a qualsiasi paese terzo. Lo stanziamento è di 4 milioni di euro.