Progetto “Teiure”, borsa di studio: bando di selezione in Campania

38

Tecnologie Innovative per l’Utilizzazione agronomica dei Reflui: è il cuore del progetto che ha l’obiettivo di promuovere l’introduzione nelle aziende bufaline campane di sistemi di spandimento maggiormente efficaci, che prevedono lo spandimento sotto superficiale a solco chiuso ed altre tecnologie innovative. Così l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania. Oltre alle tecniche di utilizzazione agronomica – spiegano i responsabili del programma – si prevede la biostabilizzazione della frazione solida separata degli effluenti di allevamento. Tale approccio permetterebbe di riutilizzare la frazione solida come lettiera, alleviando la carenza di paglia nel comprensorio, oppure come ammendante stabile. Verranno approfonditi i vantaggi e gli svantaggi di tali tecniche nel sistema produttivo nel contesto mediterraneo, eseguendo un preliminare approfondimento tecnico-scientifico ed un’analisi costi-benefici relativa all’introduzione e diffusione di entrambe gli approcci. Gli obiettivi principali del partenariato si possono così riassumere: 1) introduzione nuove tecniche di utilizzazione agronomica dei reflui sotto-superficiale e biostabilizzazione della frazione solida; 2) riduzione emissioni ammoniaca; 3) sensibilizzazione imprenditori agricoli e contoterzisti su tecniche di spandimento disponibili; 4) aumento performances ambientali aziende bufaline successivamente all’introduzione delle innovazioni di processo.