Progress, progetti di formazione: c’è tempo fino a venerdì

70

Un fondo da 4,1 milioni di euro a sostegno di misure e iniziative per rafforzare la capacità delle organizzazioni dei lavoratori di affrontare, a livello europeo e transnazionale, i cambiamenti del Un fondo da 4,1 milioni di euro a sostegno di misure e iniziative per rafforzare la capacità delle organizzazioni dei lavoratori di affrontare, a livello europeo e transnazionale, i cambiamenti del mercato occupazionale, nonché le sfide correlate al lavoro e al dialogo sociale. C’è tempo fino a venerdì prossimo 6 giugno per partecipare all’ultimo bando del programma Easi, azione Progress, promosso dalla Commissione europea e rivolto alle organizzazioni delle parti sociali rappresentative dei lavoratori a livello europeo, nazionale o regionale, legalmente costituite e registrate in uno degli Stati membri dell’Unione europea. I partecipanti dovranno concentrarsi, in particolare, sul tema della modernizzazione del mercato del lavoro che riguarda la qualità del lavoro, la preparazione, la gestione del cambiamento e della ristrutturazione, la preparazione e la gestione dei cambiamenti, la mobilità e migrazione dei lavoratori, l’occupazione giovanile, le strategie per la salute e la sicurezza dei lavoratori, la riconciliazione della vita lavorativa con quella familiare, l’uguaglianza di genere e la non discriminazione, l’inclusione attiva delle persone nel mondo del lavoro. L’azione si concentra anche sulla parità di genere, la lotta alla discriminazione, l’invecchiamento attivo e il prolungamento della vita lavorativa, sull’inclusione attiva e il lavoro dignitoso. I progetti ammessi a contributo dovranno avere inizio entro il 31 dicembre 2014 e prevedere una durata massima di 24 mesi. Il budget complessivo è di 4.140.000 euro, ma la Commissione si riserva il diritto di non erogare il totale dei fondi disponibili. Sarà possibile finanziare fino al 90 per cento del costo totale ammissibile dell’azione: le proposte che richiederanno un finanziamento superiore al tetto predefinito non saranno prese in considerazione. La richiesta di contributo non deve, però, neppure essere inferiore ai 108mila euro.