Promuovere nel mondo l’innovazione made in Italy: al via a Bari il Biat promosso dall’Ice

91

Si svolge giovedì 11 e venerdì 12 a Bari la quinta edizione della Biat (Borsa dell’innovazione e dell’alta tecnologia), iniziativa promossa dall’Ice-Agenzia (che ne è l’ente attuatore), in collaborazione con le Regioni interessate – e in particolare con il contributo della Regione Puglia -, nell’ambito del Piano Piano Export Sud 2 a sostegno delle aree meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia) e di quelle cosiddette in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna).
Giunta quest’anno alla sua quinta edizione (nel 2018 si è svolta a Napoli), la Borsa dell’innovazione e dell’alta tecnologia rappresenta un modello di iniziativa promozionale, a carattere itinerante, ideato per aiutare le imprese nella valorizzazione e commercializzazione dei risultati della loro attività di ricerca, sia sotto forma di brevetti che di prodotti o servizi ad alto contenuto tecnologico. La manifestazione ha insomma l’ambizione di sostenere la proiezione estera di imprese innovative, reti di impresa, start-up, poli tecnologici e università, facilitando la collocazione di beni materiali e immateriali nei mercati internazionali ma anche, a seconda della fase di sviluppo dell’idea, di aprire le strade al reperimento di finanziamenti o partnership per il prosieguo del progetto. Nata da questi presupposti, la Biat promuove, nel corso della due giorni, un matchmaking tra offerta e domanda commerciale e tecnologica, tra inventori (startup, Pmi innovative, università, parchi tecnologici) e controparti straniere (grandi imprese, venture capitalist, ecc.). Il format prevede la raccolta di progetti/prodotti nei seguenti settori: aerospazio, ambiente, biotecnologie&health tech, nanotecnologie, economia circolare, energie rinnovabili, ICT, materiali innovativi e tecnologie per le smart cities, tutti caratterizzati da elementi di innovazione, adeguatamente evidenziati nelle schede di partecipazione che le aziende compilano.

“La Biat è il fiore all’occhiello di un progetto pluriennale – spiega Paola Bellusci, manager Ice responsabile della promozione del Made in Italy e Piano Sud -: il Piano Export Sud, finanziato con fondi UE e mirato ad aumentare la partecipazione delle aziende del Mezzogiorno all’export nazionale, in 2 modi: trasformando gli esportatori da occasionali in abituali; aumentando la quota del loro fatturato estero”. “Il Piano coinvolge vari settori – continua – ma con Biatci concentriamo su quelli a più alto contenuto innovativo: aerospazio, biotech e tecnologie per la salute, ICT, nuovi materiali, smart cities, ambiente e energie rinnovabili, nanotecnologie”. Si tratta, in definitiva, di creare le condizioni affinché imprese e gruppi di ricerca possano ampliare i loro orizzonti. “Spesso – spiega Paola Bellusci – le imprese piccole e medie, le start-up e i centri di ricerca faticano a andare sui mercati internazionali: noi allora gli portiamo il mondo a casa e creiamo le condizioni ottimali per fare incontrare la loro OFFERTA innovativa e tecnologica con la DOMANDA di potenziali investitori e partner. Quest’anno abbiamo 80 partecipanti, 106 progetti e 98 delegati esteri, che su un’area allestita di oltre 1.000 mq realizzeranno migliaia di incontri B2B, precedentemente organizzati in base agli interessi espressi”. “Questa di Bari – prosegue Bellusci – è la quinta edizione: nei 5 anni abbiamo portato a Bari, Napoli e Catania oltre 500 operatori esteri e sottoposto alla loro attenzione oltre 650 progetti italiani, durante oltre 5.000 incontri abbiamo organizzati ad hoc. Con l’organizzazione di questo prestigioso evento internazionale puntiamo a promuovere la collocazione di aziende italiane (piccole e medie, start-up, spinoff universitari) e centri di ricerca sui mercati più promettenti, facilitando l’incontro tra offerta tecnologica e commerciale “Made in Southern Italy” e la domanda di controparti estere, tutte selezionate con cura dalla nostra rete mondiale di uffici”.

I progetti, raccolti dalla sede di Roma dell’ICE-Agenzia, vengono messi a disposizione degli uffici della rete estera Ice situati nei Paesi maggiormente sensibili alle tematiche proprie di Biat”. Quest’anno sono 22 gli uffici di differenti Paesi che hanno sottoposto i progetti, all’inizio in forma anonima, alle potenziali controparti estere: grandi imprese, centri di ricerca interessati al trasferimento tecnologico, venture capitalist, fondi di investimento e business angel. Al contempo, i progetti sono stati sottoposti per un controllo relativo alla Proprietà Intellettuale all’Ufficio Brevetti del Mise.
Gli operatori esteri hanno selezionato i progetti di loro interesse e sono stati invitati a Bari, ove arriveranno per incontrare i titolari dei progetti stessi l’11 e 12 aprile, presso la Fiera del Levante, in sessioni B2B appositamente agendate con l’obiettivo di avviare una serie di partnership internazionali.
Per l’edizione di Bari 2019 sono stati selezionati 106 progetti, presentati da 80 soggetti, e stiamo finalizzando la selezione di 100 operatori esteri.

L’11 aprile sera è previsto un evento di networking in una località di prestigio della città di Bari mentre il 10 un gruppo selezionato di 24 operatori esteri parteciperà a una visita a Matera, definita con i referenti locali della Regione coadiuvati dai responsabili dell’incubatore T3. I membri della delegazione estera in mattinata svolgeranno una ulteriore sessione di incontri B2B presso la Sede della Camera di Commercio – CCIAA Basilicata in Matera -, con aziende lucane selezionate dall’incubatore T3. Il pomeriggio si recheranno in visita presso il prestigioso Centro di Geodesia Spaziale G. Colombo dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Paesi di provenienza delle delegazioni presenti al Biat
1. Armenia
2. Bielorussia
3. Canada
4. Cina
5. (Repubblica di) Corea
6. Croazia
7. Emirati Arabi Uniti
8. Federazione Russa
9. Finlandia
10. Francia
11. Germania
12. Giappone
13. India
14. Israele
15. Polonia
16. Regno Unito
17. Singapore
18. Stati Uniti
19. Svezia
20. Svizzera
21. Turchia


Settori di attività delle imprese italiane espositrici

• aerospazio
• ambiente
• bio&health tech
• energie rinnovabili
• ICT
• nanotecnologie
• materiali innovativi
• tecnologie per le smart cities
• economia circolare

PROGRAMMA

11 aprile 2019 (Fiera del Levante, Padiglione nuovo Modulo 4)
09.00 – 10.00
Registrazione dei partecipanti

10.00 – 11.00
Sessione inaugurale

Apertura dei lavori
Michele Emiliano, presidente Regione Puglia

Benvenuto istituzionale
Cosimo Borraccino, assessore allo Sviluppo della Regione Puglia

Introduzione
Maria Ines Aronadio
, direttore Ufficio di Coordinamento per la promozione del Made in Italy, Ice-Agenzia

11.30 – 13.00
B2B session

13.00 – 14.30
Buffet Lunch

14.30 – 17.30
B2B session

19.30
“Networking dinner” ad invito, presso Zonno Ricevimenti, Molo San Nicola 3, Bari.
Sarà presente l’avvocato Marco Bellezza, consigliere giuridico per le comunicazioni e l’innovazione digitale del ministro dello Sviluppo Economico

12 Aprile 2019 (Fiera del Levante, Padiglione nuovo Modulo 4)
9.30 – 13.00 B2B session

13.30 – 14.30 Buffet Lunch

14.00 – 16.00 Spazio vetrina per gli innovatori italiani/dimostrazioni

SCARICA IL CATALOGO

SCARICA IL CATALOGO DEGLI OPERATORI ESTERI