Protesta dei trattori a Sanremo, Riscatto Agricolo accetta l’invito di Amadeus: Noi giovani all’Ariston

51
in foto Salvatore Fais, leader del movimento 'Riscatto agricolo' (Imagoeconomica)

Il movimento Riscatto Agricolo, che sta portando avanti insieme ad altri, la protesta dei trattori, accetta l’invito di Amadeus e già dalle prossime ore preparerà la delegazione di giovani che si recheranno tra oggi e domani a Sanremo per portare le proposte degli agricoltori sul palco del Festival. “Porteremo al Festival le nostre preoccupazioni, le nostre paure e le nostre fatiche, determinati a illustrare le molte idee e proposte di noi giovani agricoltori, determinati a continuare a sperare nel futuro della nostra agricoltura, nel continuare gli insegnamenti dei nostri genitori e dei nostri nonni” fanno sapere i rappresentanti del movimento. “Solo con un agricoltura viva c’è vita, c’è sicurezza alimentare c’è rispetto dell’ambiente c’è futuro. Se si ferma l’agricoltura crolla tutto” sostengono gli agricoltori. “Siamo molto determinati a rivendicare con orgoglio e riscatto la speranza di non mollare di far capire alle istituzioni ed ai cittadini che senza gli agricoltori non vi sarà mai la sovranità alimentare che rende i popoli liberi”. Con queste motivazioni dunque, consapevole dell’importanza di una ribalta come quella dell’Ariston, il movimento Riscatto Agricolo ha accettato la proposta del direttore artistico del Festival di Sanremo Amadeus che nel messaggio divulgato stamani ha avanzato la proposta di accogliere una delegazione di agricoltori sul palco del Festival. Già da domani e mercoledì la delegazione di trattori partirà dai presidi di Melegnano e Pavia per organizzare la spedizione verso Sanremo .