Protezione civile, 7 mln ai Comuni campani per un piano di emergenza

94

Un budget di 7 milioni di euro per sostenere i Comuni campani in modo che possano dotarsi di un piano di protezione civile aggiornato e conforme alle vigenti linee guida nazionali e regionali, per la prevenzione dei rischi naturali e antropici, la messa in sicurezza di edifici, infrastrutture pubbliche e territori esposti a rischi naturali e il miglioramento dei sistemi di monitoraggio e gestione del rischio. A metterlo a disposizione è la Regione Campania attraverso le risorse del Programma Operativo Complementare – Poc 2014-2020.

Interventi finanziabili

Sono finanziabili dal bando gli interventi per la redazione del Piano di emergenza comunale o intercomunale che dovrà essere conforme alle linee guida regionali e alle vigenti indicazioni operative adottate dal Dipartimento della protezione civile nazionale; aggiornamento del Piano di emergenza comunale o intercomunale in modo da renderlo conforme alle linee guida regionali e nazionali; acquisto di mezzi, attrezzature e materiali necessari per fronteggiare l’emergenza, espressamente previsti nel Piano di emergenza e mancanti alla dotazione del Comune/i richiedente/i, alle associazioni di volontariato e alle altre Amministrazioni e soggetti pubblici presenti sul territorio; diffusione einformazione dei Piani di emergenza comunali o intercomunali.


Chi può parteciparei

Il bando è rivolto ai Comuni della Regione Campania e alle loro forme associative. I beneficiari selezionati dalla Regione, si legge nel decreto di approvazione dell’intervento, assumeranno “la funzione di stazione appaltante”, deputata all’individuazione – attraverso “procedure ad evidenza pubblica nel rispetto della normativa comunitaria, nazionale e regionale di riferimento” – del “soggetto attuatore/realizzatore del servizio o bene oggetto dell’operazione”. 

Contributi

Il bando dispone di una dotazione finanziaria di 7 milioni di euro.Il contributo massimo è pari al 100 per cento della spesa ritenuta ammissibile in sede di istruttoria ed è misurato in funzione della popolazione residente nel territorio amministrativo del Comune richiedente.