Protezione Civile, terminate le prove di evacuazione nei Campi Flegrei

25

Si è concluso come da programma nel primo pomeriggio il test simulato di evacuazione per il rischio vulcanico nei Campi Flegrei, denominato ExeFlegrei 2019. L’iter di allarme che ha fatto scattare stamattina l’operazione di evacuazione è stato seguito per intero, tale da consentire ai responsabili della Protezione Civile di capire le situazioni di criticità. Blanda la risposta dei volontari che avevano aderito al progetto campione dell’esercitazione simulata. La cosa, però, non preoccupa le istituzioni. “Sono soddisfatto di come sia andata, e sono fiducioso di una maggiore partecipazione della popolazione nelle prove future – afferma deciso il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia – Avevamo messo in conto una diminuzione degli iscritti e dei possibili partecipanti, ed è comunque un ottimo risultato, perché è stato finalmente avviato un processo di sensibilizzazione e coinvolgimento. Tutto ciò accresce la consapevolezza nei cittadini delle buone pratiche di protezione civile e cosa fare in caso di emergenza”. Figliolia ha già in progetto di ripetere l’esercitazione simulata nei prossimi anni e ne ha avanzato richiesta al capo del Dipartimento di Protezione Civile, Angelo Borrelli “i cittadini vanno stimolati e invogliati, è una questione di crescita culturale”. Il test ha riguardato anche gli altri tre comuni flegrei, Bacoli, Monte di Procida e Quarto che hanno avuto quale luogo di raccolta l’area domizia del comune di Giugliano. “Il sistema di protezione civile ha retto lo stress di questa esercitazione. Il coordinamento istituzionale, il raccordo tra le forze dell’Ordine, i volontari, il sistema dei trasporti, quello sanitario, tutto ha funzionato in maniera puntuale. Il comune di Giugliano, gli altri comuni coinvolti, la Regione, la Protezione civile comunale, quella Regionale e quella Nazionale hanno fatto e bene la propria parte. La strada resta in salita, ci prepariamo al peggio, sperando nel meglio. Scongiuri e preghiere a parte, se dovessimo affrontare un’emergenza siamo pronti”, ha sottolineato il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello che ha coordinato le operazioni.