Protom presenta Mib, il laboratorio che certifica i velivoli a pilotaggio remoto

51

Progettare e realizzare un Equipment Test Laboratory  (Modular Iron Bird) capace di provare gli equipaggiamenti dei comandi di volo di diversi tipi di velivoli e più in generale i sistemi di attuazione elettromeccanica. Il Laboratorio MIB_Modular Iron Bird – è in grado di riprodurre fedelmente le caratteristiche meccaniche di un velivolo, come la rigidezza delle ali e delle superfici di controllo Il progetto è stato presentato oggi, a Sassari, nel corso del convegno dedicato alla presentazione delle idee più significative sviluppate proprio grazie alle risorse del fondo R&I.
Protom, la prima KTI (Knowledge & Technology Intensive) company italiana e punto di riferimento per lo sviluppo di progetti ad alto tasso di innovazione, con il supporto del Fondo Ricerca e Innovazione gestito dal Banco di Sardegna per tutto il Sud Italia, ha realizzato nel suo plant produttivo di Giugliano (NA) il progetto MIB – Modular Iron Bird,
laboratorio a supporto della certificazione dei velivoli a pilotaggio remoto.

Con MIB anche le aziende aeronautiche medio-piccole potranno disporre di una importante facility di analisi e verifica per il controllo dei comandi di volo di velivoli dell’aviazione generale appartenenti alla classe certificativa CS23 o UAV derivati da velivoli dell’aviazione generale già certificati, con una notevole riduzione delle criticità tecniche ed economiche. L’Equipment Test Laboratory consta delle parti strutturali prodotte, il sistema dei comandi di volo, il sistema di generazione attivo del carico sulle superfici mobili ed il sistema di controllo e acquisizione dati. Il dimostratore finale è stato completato con un PC dedicato con all’interno una scheda National Instruments, con opportuno numero di canali in ingresso ADC e in uscita PWM per poter essere interfacciato con il sistema servo-idraulico di azionamento.
Il simulatore real time della dinamica del velivolo sviluppato in MIB prende in carico i comandi di input del pilota e lo stato delle superfici mobili, le condizioni di volo, i disturbi atmosferici ed eventuali malfunzionamenti.
Attraverso il simulatore è possibile adattarsi alle diverse esigenze di test che riproducano fedelmente velivoli di diverse dimensioni e rispondenti a diversi profili di missione.
All’interno di questo ambiente di prova sono stati installati i comandi di volo reali (attuatori e relativa elettronica di controllo) con le necessarie interfacce velivolo (attacchi, alimentazione di potenza, sistema elettronico di controllo).