Prysmian, crescita boom nel primo semestre. Utili raddoppiati grazie al mercato Usa

127

Si chiude con un utile netto di 192 milioni di euro il primo semestre 2019 di Prysmian Group, la società leader mondiale nel settore dei sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni che ha nel Napoletano, ad Arco Felice, un centro d’eccellenza. La crescita, rispetto al primo semestre 2018, è di oltre 100 milioni. I ricavi si attestano a 5,849 milioni, con una crescita organica dell’1,9% e un deciso balzo nel Nord America dove la cescita del 4,7%.L’Indebitamento finanziario netto è pari a 2,819 milioni di euro, 2,678 milioni al netto degli impatti dell’applicazione del nuovo principio contabile Ifrs 16 pari a 141 milioni di euro, in linea con le aspettative e con la stagionalità del business. “A un anno di distanza dal closing dell’acquisizione di General Cable, i risultati del primo semestre 2019 evidenziano innanzitutto l’importante contributo del Nord America alla crescita dei ricavi del Gruppo e al miglioramento della redditività – spiega in un’intervista l’Ad Valerio Battista – L’integrazione porta importanti benefici sia sul versante delle sinergie operative, sia sul business grazie alle opportunità di cross-selling e alla rilevanza assunta dal Gruppo verso clienti strategici. Tali sviluppi sono particolarmente rilevanti nei business cavi ottici e Multi Media Solutions e in tutto il segmento Energy & Infrastructure, in particolare nella Power Distribution. Positivi segnali anche nel segmento Projects, dove l’acquisizione di ben 4 lotti dei 5 assegnati del progetto Viking Link per quasi 700 milioni, di euro, che si è aggiunta ad altri importanti progetti off-shore wind quali il Vineyard in Usa e il Dolwin5 in Germania, ha portato il totale dei progetti assegnati dei primi sette mesi a superare il miliardo di euro, target ipotizzato per l’intero 2019.”