Prysmian, sos dei sindacati: L’azienda investe all’estero e in Campania sono a rischio 300 posti di lavoro

85

“E’ sorprendente registrare come “Prysmian Spa”, azienda specializzata nella produzione di cavi per applicazioni nel settore dell’energia e delle telecomunicazioni e di fibre ottiche, sia costretta a privilegiare il territorio d’Oltralpe anziché quello nazionale per praticare la propria politica d’investimenti”. Lo affermano i sindacati di categoria Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil. “Ben 40 milioni di euro – aggiungono i sindacati – per una realtà industriale che si caratterizzerà con 45 nuovi posti di lavoro, mentre in Italia il sito di Battipaglia rischia la chiusura”. “Lo snodo – secondo i sindacati- sta nel bando nazionale per la fibra ottica che, senza le mancate specifiche di competenza del ministero dell’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, guidato da Colao, mette di fatto fuori mercato il prodotto specifico realizzato in Italia” ” Sono a rischio ben 300 posti diretti ed altri 600 indiretti correlati allo stabilimento ubicato a Battipaglia (Salerno) – affermano ancora i sindacati -. A fine 2021 l’Europa ha introdotto i dazi, ma solo sui cavi ottici, non sulla semplice fibra. Con il bando il ministero competente non ha ritenuto la fibra ottica come asset strategico e di conseguenza una materia che non abbisogna di specifiche tecniche. Una decisione inspiegabile e sbagliata. Non è un caso che il governo francese nei bandi abbia, invece, indicato la fibra Prysmian, prodotta in Francia”.