Psr, la Regione sblocca le risorse della misura 14: per le aziende zootecniche 12,5 mln

59

“La delibera sull’accelerazione, fortemente voluta da Coldiretti Campania, porta a casa i primi effetti: la Regione sblocca le risorse relative alla misura 14 del Psr. Dagli uffici dell’Assessorato all’Agricoltura la principale organizzazione agricola ha appreso il via libera al pagamento di 12,5 milioni di euro destinati al sostegno delle aziende zootecniche. La misura mira a promuovere la diffusione di tecniche e metodiche di allevamento finalizzate a migliorare le condizioni di salute e benessere degli animali”. Lo ha reso noto Coldiretti. È calcolata in base ai costi aggiuntivi o al mancato guadagno sostenuti o subìti dagli allevatori che si impegnano ad applicare negli allevamenti quanto previsto dalla misura. Hanno diritto al sostegno gli allevatori che dimostrano il possesso della stalla e delle pertinenti strutture di allevamento e che dimostrano di aderire agli impegni della misura con almeno 10 UBA (unità bovino adulto) appartenenti alla stessa specie (5 UBA per gli allevamenti ricadenti nelle macroaree C o D o comunque nelle zone svantaggiate). “Si mettono in circolo finalmente risorse utili – commenta Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania – che aiutano un comparto strategico per l’economica della Campania. Intorno alla zootecnia si sviluppano prodotti di assoluta eccellenza e che sono bandiere del made in Italy nel mondo. Se pensiamo solo alla mozzarella di bufala campana Igp o al vitellone bianco dell’Appennino centrale Igp, si comprende quanto è alta la posta in gioco per il comparto dell’allevamento. Per questo motivo auspichiamo che l’accelerazione possa riuscire a pagare anche l’overbooking”. “Dopo molte sollecitazioni della nostra organizzazione – sottolinea Salvatore Loffreda, direttore di Coldiretti Campania – si mettono in circolo risorse molto attese dagli allevatori. Ringraziamo il presidente Vincenzo De Luca e il capo della segreteria Franco Alfieri per aver tenuto fede ad un impegno che aveva preso per rispondere a questa esigenza. Da parte nostra prosegue l’impegno incessante per spingere l’attuazione efficace del programma di sviluppo rurale. Le imprese agricole riescono ad essere performanti se i fondi europei arrivano in tempi sostenibili”.