Psr, norma di salvaguardia e semplificazione. Le associazioni indicano priorità a De Luca

58

Nel quadro dell’attivazione delle procedure di bando a sportello del Programma di sviluppo rurale della Campania 2014/2020, Confagricoltura Campania ha chiesto al consigliere delegato per l’Agricoltura del Presidente, Franco Alfieri, l’inserimento di una norma di salvaguardia che consenta a Regione Campania di riconoscere, ai fini della spesa ammissibile a finanziamento del Psr, gli eventuali investimenti effettuati dall’impresa agricola nell’intervallo di tempo tra la chiusura e la riapertura dei bandi delle misure strutturali”. Così Rosario Rago, presidente di Confagricoltura Campania e membro della Giunta nazionale dell’organizzazione, commenta la simbolica cerimonia per l’assegnazione dei decreti di concessione di contributo del Psr Campania 2014/2020 a Palazzo Armieri, dove il presidente e  assessore all’agricoltura della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha personalmente consegnato gli atti ad una rappresentanza degli imprenditori agricoli beneficiari di una trance del programma comunitario ed ai quali andranno 173 milioni di euro. 

Il Programma di sviluppo rurale della Campania 2014/2020 è decisamente entrato nel vivo e atti come questo lo dimostrano – ha aggiunto Rago. E’ il momento di procedere senza indugio con i bandi a sportello, in modo da dare maggiore serenità a tutti i potenziali beneficiari che hanno allo studio un nuovo progetto finanziabile, a cominciare dai giovani al primo insediamento in azienda, che rappresentano il futuro dell’agricoltura della nostra regione, bisognosa di un’accelerazione proprio del ricambio generazionale.”

 
Cia Campania mette in evidenza l’esigenza di una sburocratizzazione e di una real svolta verso piattaforme informatiche che aiutino la vita delle imprese. Sburocratizzazione, apertura ai giovani e massima risolutezza per evitare disimpegni dell’ultim’ora, serve infatti garantire che i soldi del Psr vadano a chi si occupa davvero di far crescere il settore“. Alessandro Mastrocinque, presidente di Cia Campania e vicepresidente nazionale di Cia – Agricoltori Italiani, accoglie con favore le parole spese dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in occasione della conferenza stampa su Agricoltura e Fondi Europei nel corso della quale è stato annunciato il via ai decreti per oltre 180 milioni di euro da erogare entro l’anno. 
  

Tra le priorità di indirizzo illustrate dal presidente De Luca – evidenzia Alessandro Mastrocinque – cogliamo una forte apertura alla richiesta di semplificazione e di informatizzazione delle procedure di accesso alle misure del Psr. Ne siamo soddisfatti, da anni chiediamo infatti la realizzazione di strumenti quali il fascicolo elettronico per le aziende agricole e la carta di identità digitale aziendale in direzione di un più ampio processo di digitalizzazione dell’intera documentazione oggi richiesta agli agricoltori. Nell’interesse di chi fa impresa e fa crescere il territorio, bisogna rispettare il principio di richiesta minima di documentazione. Vigileremo affinché alle parole seguano i fatti“.