Pubcorn, è salernitano lo sports bar più alla moda di Berlino

73
In foto Alessandro Coppola nel suo Pubcorn (immagine tratta da Facebook)
Alessandro Coppola ha 22 anni, viene dal quartiere Mariconda di Salerno e dopo due anni di lavoro in un hotel di Berlino, facendo nottate e fine settimana, ha messo da parte abbastanza soldi per aprire un bar con un suo caro amico ungherese, Andras Kiss, 35 anni. La storia viene raccontata da Andrea D’Addio sul sito web Berlino Magazine.  Quel bar si chiama Pubcorn ed è composto da una decina di tavolini con sedie, poltrone e divani, un biliardino e un mega-schermo su cui puntualmente vengono trasmesse le partite della Serie A e della Bundesliga (“Ma a richiesta anche Premier e Ligue 1!”). L’atmosfera è sempre molto rilassata, Pubcorn riflette al meglio l’animo amichevole e internazionale dei due giovani soci. “L’idea di un locale ci è venuta un giorno in cui parlavamo scherzosamente di tutto ciò che unisce le nostre due culture sia da un punto di vista enogastronomico, come le similarità dei salami milanesi e ungheresi e tra la nostra grappa alla loro Pálinka, ai colori delle rispettive bandiere. Poiché il sogno di entrambi era di aprire prima o poi un locale dove organizzare eventi e passare del bel tempo con gente da tutto il mondo ecco che abbiamo deciso di non parlarne più, ma agire unendo le forze”. “Abbiamo aperto a settembre 2017. Abbiamo un mega-schermo in cui fare vedere film, partite di calcio e, quando c’è l’occasione, organizzare anche tornei di xBox. Organizziamo anche language party, serate karaoke e tornei di biliardino. Da Pubcorn cerchiamo di fare tutto ciò a cui noi per primi ci piacerebbe partecipare, cercando di tenere costante un tema chiave: il confronto tra culture. Siamo all’inizio – dice Alessandro – teniamo i prezzi molto bassi proprio per questo. Nel nostro piccolo cerchiamo anche di sostenere le piccole attività di Berlino: una delle nostre birre è la Berliner Berg California Wheat di un piccolissimo birrificio cittadino, del quartiere di Neukölln. Il popcorn invece è gratis, lo offriamo noi, da qui anche il nome del locale”.