PublicApp, Tramonti Comune smart: i disservizi si segnalano via smartphone

77

Il Comune di Tramonti sempre più smart grazie all’introduzione di un evoluto sistema digitale, è il primo Comune della Costiera Amalfitana ad adottare l’innovativa App denominata PublicApp, sviluppata da una start up tutta salernitana. L’applicazione, dedicata e sviluppata per le pubbliche amministrazioni, consente comunicazioni rapide ed interattive con i cittadini che possono non solo chiedere informazioni e o segnalare disservizi, ma anche partecipare in tempo reale. L’Amministrazione di fatto può attivare e promuovere sondaggi e ricerche,consentendo la partecipazione attiva ed immediata dei cittadini su temi specifici.

PublicApp funziona su tutti i dispositivi mobili, tra cui smartphone e tablet sia con sistema IoS che Android oltre che sui normali Pc. Agli utenti è richiesto solo il download (gratuito) per poter accedere ai servizi tra i quali ricordiamo la ricezione di notizie ed eventi, l’accesso alle informazioni di pubblica utilità (raccolta differenziata dei rifiuti, orari apertura uffici pubblici), segnalazioni con possibilità di associare testo e foto georeferenziate, reperimento di punti di interesse. “L’Amministrazione pubblica digitale a Tramonti diventa realtà”, commenta Salvatore Agovino fondatore e amministratore della Pin Appsrl, la società che ha sviluppato e creato l’applicativo. “Con PublicApp si attua una vera e-democracy ed altresì una gestione efficiente e rapida delle risorse strumentali e del personale dell’Ente. Tramonti si candida ad essere il primo Comune della Costiera Amalfitana ad adottare un sistema che ha riscosso notevole interesse anche in altre città, un felice esempio di coniugazione di tradizione ed innovazione e di attenzione verso la comunità amministrata. PublicApp è l’unico applicativo che integra le funzioni di interazione, comunicazione e gestione tra cittadini ed amministrazione e siamo orgogliosi che proprio in Provincia di Salerno ci sia un’Amministrazione che abbia compreso le potenzialità e le opportunità dell’App”.