R-Store, un compleanno “d’Elite”: il brand napoletano festeggia 10 anni ed entra nel programma di Borsa Italiana

421
in foto Giancarlo Fimiani

Taglia il traguardo del decimo anno di attività “R-Store”, l’azienda partenopea guidata da Giancarlo Fimiani che gestisce gli “Apple Premiium Reseller”. Un obiettivo importante coronato dall’ingresso in “Elite”, il programma internazionale di Borsa Italiana nato nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita. “Abbiamo deciso di aderire perché crediamo che possa essere un’occasione di crescita per il management – spiega Fimiani -: Elite ci consente inizialmente di partecipare a un programma di formazione manageriale su temi che per noi sono di sicuro interesse e motivo di riflessione già da qualche anno, visto il nostro percorso di crescita molto veloce. Ci offre la possibilità di metterci a confronto con le best practice e acquisire nuove competenze. Pur non avendo progetti concreti di quotazione – precisa il Ceo di R-Store – la partecipazione al programma Elite ci consentirà di conoscere e valutare tutte le diverse opportunità che i mercati finanziari offrono oggi alle aziende delle nostre dimensioni e che potranno essere funzionali ai nostri progetti di crescita”.
I numeri, più delle parole, danno la misura esatta di cosa sia diventata oggi quella intraprendente idea lanciata dieci anni fa da Fimiani. Che, da imprenditore già attivo nel campo delle forniture per aziende creative e publisher, nel 2008, grazie ai rapporti sviluppati con il management di Apple Italia, diventa founder e ceo di un marchio giovane e attraente.

Nel primo anno di vita R-Store fattura 700mila euro e impiega 5 dipendenti. Solo tre stagioni dopo è già a quota 11 milioni e 32 addetti. Nel 2017 l’asticella arriva a 68 milioni e 200mila euro, con un organico di 141 unità. I punti vendita si moltiplicano di anno in anno: dopo Chiaia, nel 2009 è la volta di Caserta, l’anno successivo di Pontecagnano (Salerno), nel 2011 arrivano il bis a Napoli con lo store di Via Toledo e il primo debutto fuori regione (Potenza), nel 2012 si aggiungono Pompei ed Avellino, l’anno dopo la terza apertura partenopea con il punto vendita al Vomero, nel 2014 lo sbarco a Roma (Zona Eur), nel 2015 a Nola, nel 2016 a Milano con tre aperture (Piave, Mercato e Valtellina) e di nuovo a Roma (Appio), nel 2017 ancora a Milano (City Life) e Parma.

Per celebrare il decennale R-Store ha organizzato per giovedì 27 settembre, alle ore 20, un ricevimento nella location settecentesca di Villa Domi, a Napoli. E’ dal capoluogo campano, infatti, che è iniziata nel 2008 l’avventura del brand degli esperti Apple. E il primo negozio è ancora lì, in via Nicola Nisco, a testimoniare quel legame con la città che, dopo due lustri di presenza sul mercato e una dimensione ormai da gigante del settore, R-Store non ha mai trascurato.

Che cosa c’è nel futuro di R-Store? Sarà sempre più incentrato sull’education, con la società di Fimiani ormai protagonista nelle scuole con progetti e soluzioni innovative, e da qualche tempo anche sul mondo delle applicazioni.
Alcune realtà di formazione tra le più importanti sul territorio hanno sposato, con la consulenza e la fornitura di R-Store, la tecnologia e i programmi education di Apple. Prima fra tutte la iOS Academy della Federico II che, inaugurata a Napoli nell’ottobre 2016, è la prima Apple Developer Academy d’Europa.
Anche l’Istituto Sacro Cuore di Napoli è dal 2013 supportato da R-Store nello sviluppo delle soluzioni di education 2.0 e ha adottato iPad come nuovo strumento didattico nell’ottica dell’adeguamento alle nuove tecnologie. Il Convitto Nazionale Colletta di Avellino, con la collaborazione di R-Store e coerentemente con quanto proposto dal Miur, sta portando avanti attività volte a “svecchiare” le strategie di insegnamento promuovendo la diffusione di iPad per l’utilizzo e la condivisione di contenuti didattici digitali.